Dal Fondo For.Te. 4 milioni in formazione a favore del settore socio-sanitario

Scade giovedì 15 ottobre il bando Fondo For.Te. a supporto di aziende e organizzazioni del settore sanitario e socio-sanitario
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il bando da 4 milioni di euro a favore del settore socio-sanitario pubblicato da Fondo For.Te. – il fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua del Terziario costituito da Confcommercio, Confetra, Cgil, Cisl e Uil – con scadenza giovedì 15 ottobre, è finalizzato a supportare le aziende e le organizzazioni che operano nel settore dei servizi sanitari e socio sanitari, assistenziali e di welfare, degli studi medici e veterinari, alle case di cura, cliniche, laboratori di analisi, ospedali, strutture residenziali di assistenza a persone anziane, disabili, comunità e servizi di segretariato sociale.

“Di fronte all’emergenza – ha spiegato il presidente di Fondo For.Te. Paolo Arena – siamo stati molto reattivi e abbiamo creato delle disponibilità a favore delle aziende per fare formazione, anche a distanza. Riconfermiamo quindi tutti gli avvisi che erano stati calendarizzati, di cui manterremo la programmazione”.

L’EVENTO ‘FOR.TE.LIVE’

Degli effetti della pandemia globale si è parlato anche nel corso dell’evento streaming “For.Te. Live” dei giorni scorsi, a cui hanno partecipato gli sportivi Manuel Bortuzzo e Maurizia Cacciatori in qualità di ospiti d’onore, entrambi accomunati da un forte spirito di tenacia e capacità di ripartire. “Il 2020 è un anno difficile – ha precisato Paolo Arena – che impone delle scelte. Noi abbiamo pensato a un evento online, dedicato alle aziende e agli imprenditori. Sarà un dialogo e uno scambio a più voci sui temi della motivazione al cambiamento, sul pensare positivo, sulla leadership in azienda e sulla formazione continua come chiave per ripartire”.

“Dall’inizio della pandemia For.Te. – ha aggiunto Luca De Zolt, vice presidente del Fondo – ha promosso interventi importanti quali ad esempio la possibilità di ammettere alla formazione i lavoratori sospesi, in cassa integrazione e quelli che hanno perso l’occupazione. La stessa scelta di favorire l’erogazione della formazione attraverso le piattaforme digitali testimonia come il Fondo sia sempre al fianco delle aziende e dei lavoratori, soprattutto nei momenti più difficili”.

Alla diretta web del Fondo con oltre 130mila aziende aderenti, che quest’anno ha stanziato 83 milioni per il miglioramento delle competenze delle aziende italiane attraverso percorsi di formazione continua, anche le testimonianze di Maurizio Marinella, a capo della maison napoletana creata dal nonno che, tra i clienti più affezionati, vanta l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; quella di Roberto Zaccardi, amministratore delegato di Boggi Milano; e, infine, quella di Eusebio Di Francesco, allenatore del Cagliari e gestore, insieme ai fratelli, di un hotel in Abruzzo.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»