Conte a Taranto: “Mezzogiorno punti su scienza, ricerca e cultura”

Il premier questa mattina ha partecipato all'avvio dei lavori del nuovo ospedale San Cataldo e all'inaugurazione della scuola di medicina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – “È bello iniziare la giornata dove la fragilità sarà curata”. Lo ha detto l’arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, benedicendo l’avvio dei lavori nel cantiere del nuovo ospedale di Taranto a cui partecipa anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Nella prima pietra, un cubo in cemento armato, il Premier ha inserito una pergamena che rimarrà a “imperitura memoria di questa giornata”, ha sottolineato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha coperto col cemento la fessura in cui è stato depositato lo scritto riportante la data di oggi.

OSPEDALE SAN CATALDO DI TARANTO ATTESO DA 40 ANNI

Oggi – ha aggiunto Emiliano – è una festa per Taranto: l’ospedale San Cataldo era atteso da 40 anni e finalmente sta accadendo”. “I lavori di quello che diventerà “l’ospedale più grande e moderno della Puglia”, ha evidenziato il governatore, sono finanziati dal Contratto istituzionale di sviluppo. Conte, che si è concesso una foto con le maestranze, ha partecipato anche alla inaugurazione della facoltà di Medicina di Taranto che avrà sede nell’ex Banca di Italia, immobile acquisito dalla Regione.

CONTE: “MEZZOGIORNO PUNTI SU SCIENZA, RICERCA E CULTURA”

“Il governo ha preso degli impegni, non amo parlare di promesse, che vanno mantenuti e concretizzati, in particolare dedicati a Taranto e al Mezzogiorno. Il Mezzogiorno deve puntare su scienza, ricerca e cultura”. Lo dice Giuseppe Conte, partecipando all’inaugurazione della scuola di medicina di Taranto

SINDACO DI TARANTO: “CITTÀ MERITA INVESTIMENTI SENZA LIMITI”

“La qualità della vita dei cittadini di Taranto vale più di mille progetti e merita investimenti senza limiti dopo un secolo al servizio dell’industria nazionale, con tutte le conseguenze che ben conosciamo e che stiamo contrastando con tutte le nostre forze”. Lo ha detto il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, a margine della posa della prima pietra dell’ospedale San Cataldo.

“Questo grande e attrezzato ospedale sarà presto realtà, cambierà la vita dei tarantini che non saranno più costretti a ricercarsi altrove per strutture sanitarie di eccellenza e sarà – ha aggiunto – un riferimento scientifico e professionale. Il duro lavoro di questi mesi con la Regione Puglia, l’Asl Taranto e Invitalia, come la visita sul cantiere del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dei ministri Giuseppe Provenzano e Paola De Micheli, dei sottosegretari Mario Turco e del viceministro per la Salute Pierpaolo Sileri, sanciscono che il Paese intero sta finalmente saldando questo grande debito con la nostra comunità”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»