Ballottaggio Agrigento, la Lega si schiera con Miccichè

Al primo turno ha raggiunto il 36,6%. L'altro candidato è il sindaco uscente, Lillo Firetto, che si è fermato al 27,8%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – La Lega si schiera con Franco Miccichè al ballottaggio per la scelta del sindaco di Agrigento. L’annuncio arriva dal segretario del Carroccio in Sicilia, Stefano Candiani. Al primo turno gli uomini di Salvini avevano sostenuto la candidatura autonoma di Daniela Catalano insieme con Fratelli d’Italia, restando però fuori dai giochi del ballottaggio.

“Ringrazio l’onorevole Tardino e la nostra candidata Catalano – dice Candiani – per l’importante lavoro svolto al primo turno soprattutto a livello programmatico, un lavoro che non andrà sprecato grazie alla condivisione di programmi e progetti per la futura amministrazione di Agrigento che abbiamo trovato nel confronto con Franco Miccichè. È chiaro – aggiunge il leader siciliano del Carroccio – che l’accordo raggiunto ad Agrigento ha anche un alto valore politico perché va collocato nel più ampio contesto di condivisione del progetto federativo che la Lega ha già proposto in Sicilia e anche in altre regioni e che gli autonomisti hanno apprezzato”. Miccichè, candidato da un cartello autonomista, al primo turno ha raggiunto il 36,6%. L’altro candidato e’ il sindaco uscente, Lillo Firetto, che si e’ fermato al 27,8%.

LEGGI ANCHE: Comunali Sicilia, vince il centrodestra: ad Agrigento sarà ballottaggio Miccichè-Firetto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»