Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali Calabria, sindaco di Crotone: “Ha vinto la speranza di cambiamento”

Perfetta parità di genere nella nuova giunta comunale del neo sindaco di Crotone Vincenzo Voce che sarà composta da quattro donne e quattro uomini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “In ogni settore ci sono delle criticità, per cui spero con la mia nuova squadra di assessori, di mettere mano alla riorganizzazione amministrativa dell’Ente”. Così alla Dire il nuovo sindaco di Crotone Vincenzo Voce insediatosi da qualche giorno al Comune pitagorico e vincitore di una campagna elettorale che lo ha visto protagonista insieme ad una coalizione di solo liste civiche, premiate dalla cittadinanza.

Il Comune di Crotone è sottodimensionato – ha aggiunto – ha la metà dei dipendenti che servirebbero, per cui quelli che ci sono vanno motivati, formati e messi nelle condizioni di lavorare al meglio. Poi passeremo all’igiene urbana e decoro urbano, alla cantierizzazioni dei lavori e delle tante opere che sono state finanziate e successivamente alle nuove opere che diano una visione futura della città con una programmazione specifica”.

“Igiene urbana e macchina amministrativa – ribadisce il nuovo primo cittadino – saranno le priorità per questa primissima fase. Su Antica Kroton il progetto è molto complesso – precisa Voce – una parte delle opere riguardano direttamente l’amministrazione comunale, la parte consistente la gestiranno invece il Mibact e la Regione Calabria. Comunque non ho intenzione di perdere neanche un centesimo del finanziamento. Faremo delle modifiche, vorremmo puntare su Capo colonna e su quelle aree dove effettivamente è possibile riportare alla luce dei reperti, per fare di Crotone un museo a cielo aperto“.
Definito come il sindaco della coalizione arancione e senza partiti al proprio sostegno Voce ha detto di aver “fatto una campagna elettorale puntando sulla credibilità delle persone e del candidato sindaco. Dall’altra parte, soprattutto nello schieramento di centrodestra – ha detto Voce – avevano messo in campo una coalizione con dieci liste, inclusi i partiti nazionali come Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega. Al primo turno ho anche superato uno schieramento abbastanza forte che faceva riferimento alla precedente coalizione uscente di centrosinistra”.

“Crotone è una città che deve rinascere – ha concluso il sindaco – il vescovo Angelo Panzetta, nell’omelia del 9 ottobre in occasione della festività di San Dionigi, ha affermato che ci vuole uno tsunami di speranza, ed è quello che chiedevano i cittadini”.

PERFETTA PARITÀ DI GENERE NELLA GIUNTA COMUNALE DEL SINDACO DI CROTONE

Perfetta parità di genere nella nuova giunta comunale di Crotone guidata dal neo sindaco Vincenzo Voce. Nel pomeriggio di oggi nel palazzo di città il primo cittadino ha presentato l’esecutivo, composto da 8 assessori, che lo affiancherà nei prossimi cinque anni alla guida dell’Ente.
La vicesindaco è Rossella Parisi che avrà anche le deleghe a legalità, polizia locale, ordine pubblico. Carla Cortese si occuperà di tutela della salute, a Rachele Via sono state affidate le deleghe a scuola, università e cultura, Filly Pollinzi si occuperà di politiche sociali. I quattro assessori uomini sono Ilario Sorgiovanni che avrà urbanistica e trasporti, a Ugo Carvelli i lavori pubblici, a Sandro Cretella decoro urbano e personale, a Luca Bossi attività produttive, sport e turismo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»