Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Invasione di locuste in Etiopia, partono gli aerei insetticidi

Sono ormai milioni gli ettari di terreno devastati dagli insetti nel Corno d'Africa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – L’Etiopia farà ricorso a un numero sempre maggior numero di aerei per la diffusione di insetticidi per arginare l’espandersi degli sciami di locuste, che hanno ormai raggiunto quattro regioni: Tigray, Afar, Oromia e Ahmara.

I nuovi sforzi da parte del governo, ha detto alla stampa locale il ministro dell’Agricoltura, Oumer Hussien, si sono resi necessari anche dopo che due veivoli già impegnati nella diffusione delle sostanze insetticide sono rimasti distrutti in due diversi incidenti. Hussien ha reso noto che è in corso il processo di identificazione dei coltivatori maggiormente colpiti dalla crisi, ai quali verrà fornito supporto.

L’ultimo report di monitoraggio sull’espandersi degli sciami redatto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), ha definito “preoccupante” la situazione in diverse regioni nord-occidentali dell’Etiopia. A oggi, calcola la Fao, è il Paese più colpito con oltre 57.000 ettari di campi coltivati a rischio.

A partire da febbraio, sono milioni gli ettari di terreno distrutti dagli insetti, che si sono diffusi in tutta la regione del Corno d’Africa, raggiungendo anche il Kenya e l’Uganda a sud-ovest.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»