Sulla Sanità gli italiani si dividono: uno su due vorrebbe più competenze per le Regioni

I dati, provenienti da un’indagine del Comitato europeo delle Regioni, sono stati presentati in conferenza stampa dal presidente del Comitato Apostolos Tzitzikostas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Più potere alle Regioni: buona parte degli italiani ritiene che maggiori responsabilità decentralizzate da Roma possano aiutare a risolvere crisi economiche e sanitarie come quella causata dal coronavirus.
I dati, provenienti da un’indagine del Comitato europeo delle Regioni, sono stati presentati in conferenza stampa dal presidente del Comitato Apostolos Tzitzikostas, per il lancio della Settimana europea delle Regioni e delle città.
Dai dati relativi all’Italia emerge che circa il 50% vorrebbe che la sanità fosse gestita maggiormente dagli enti locali a discapito di Roma. Percentuali leggermente più basse per l’economia (47% degli italiani si dice a favore di un decentramento delle responsabilità e dei poteri) e per il lavoro (43%). Più di due italiani su tre, invece, ritiene che le Regioni e gli enti locali debbano ricevere più ascolto da Bruxelles.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»