fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 12 ottobre 2019

UNA VIGNA ‘ARTIGIANALE’ NELLE TERRE DI TARQUINIA

Un piccolo vigneto curato a mano minuziosamente come il giardino di casa. E’ nei pressi della antica città di Tarquinia che crescono le uve che danno origine ai vini della cantina della famiglia Muscari Tomajoli, nata per volontà del padre Sergio nel 2007 e guidata oggi dal figlio Marco, che è anche sommelier

DALLA ‘PENTOLA’ AL FORNO: LA CIAMBELLA SCOTTOLATA DI CORI

Nel forno di sua madre, le massaie usavano cuocere pane e biscotti che impastavano in casa. E quelle stesse ricette, come lo stesso forno, il signor Ernesto Alessi lo utilizza ancora oggi nel biscottificio che ha fondato con la moglie a Cori, che è specializzato in pasticceria secca tipica del luogo, e dove oggi, lavora assieme alle 3 figlie e ai generi

L’AMATRICIANO PROSCIUTTO IGP DEL LAZIO

Il prosciutto amatriciano, cosi’ è conosciuto dagli anni ’80, è un prodotto che nella provincia di Rieti si fa da secoli. E’ un salume fine che si distingue per la forma tondeggiante ‘a pera’. Dal 2011 l’Unione europea gli ha attribuito la denominazione Igp. Anche grazie all’attività dell’azienda fondata nel 1984 da Gianfranco Castelli che oggi, col suo stabilimento ai piedi dei Monti della Laga, ne è la principale produttrice.

WEEKEND DI SAPORI A VALMONTONE CON ‘ARMONIE D’OTTOBRE’

Il palazzo Doria Pamphilj di Valmontone sara’ palcoscenico, da sabato 12 a lunedi’ 14 ottobre, di una sfilata di sapori del territorio fra Roma, Frosinone e Latina, tra degustazioni, attivita’ e le preparazioni di una dozzina di chef locali. La seconda edizione e di ‘Armonie d’Ottobre’, evento promosso dall’assessorato al Commercio di Valmontone assieme a Regione Lazio, assessorato al’Agricoltira e Arsial, e’ stata presentata a Vyta, l’enoteca laziale di via Frattina.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

12 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»