Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marocco, l’ambasciatore Abouyoub: “La Brexit non ci creerà problemi” /VD

L'ambasciatore del Regno del Marocco in Italia intervistato dall'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

hassan_abouyoub2

ROMA – “Sono veramente ottimista sia riguardo alla Brexit, che all’impatto che avrà sui nostri rapporti”. A dirlo è l’ambasciatore del Marocco Hassan Abouyoub all’agenzia Dire. All’origine del suo ottimismo, le relazioni di lunga data che legano il regno nordafricano alla Gran Bretagna, che col referendum di fine giugno ha deciso di uscire dall’Unione europea. “Il Marocco è una potenza diplomatica da 600 anni– prosegue Hassan Abouyoub- e la prima ambasciata aperta sul suolo britannico risale al 1600. Sono rapporti quindi di altissimo livello”.


Lo stesso si può dire anche della Francia, della Spagna e perfino dell’Italia, “quando ancora non c’era ‘lItalia’: intrattenevamo infatti rapporti con le Repubbliche marinare di Venezia e Genova”. Il Marocco si trova insomma in una situazione “completamente diversa rispetto a qualsiasi altro Paese del sud del Mediterraneo. Siamo tranquilli. Londra sarà sicuramente in grado- conclude l’ambasciatore- di negoziare un nuovo accordo commerciale, del tutto simile a quello con l’Ue fatte salve poche differenze marginali e di dettaglio”.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

LEGGI ANCHE:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»