Referendum, il Pd tappezza i bus per il ‘sì’. A Bologna blitz dei collettivi/FOTO

Il collettivo universitario Hobo non era entusiasta di quella pubblicità. E così l'ha modificata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bologna_autobus_referendum2

BOLOGNA – Da diversi giorni a Bologna circolano autobus tappezzati sul retro con la propaganda del Pd a favore del sì al referendum. Una campagna pubblicitaria commissionata in tutta Italia dai gruppi parlamentari dei democratici alla società Igp Decaux. “Cara Italia, hai voglia di cambiare davvero?– recita lo slogan- basta un sì”. Oppure: “Cara Italia, vuoi diminuire il numero dei politici? Basta un sì”. Uno di questi autobus è finito però nel mirino del collettivo Hobo, che ha attaccato il suo volantino contro la riforma del Governo Renzi andando a coprire proprio il “sì” al referendum.

“Puoi continuare a barcamenarti tra più lavori e non arrivare a fine mese per colpa del Jobs Act di Renzi e Poletti?- si legge nel volantino, che riporta un grande “NO” di fianco all’immagine del premier- Puoi continuare a sopravvivere con i voucher di Renzi? Meritiamo di più”. La foto è stata subito diffusa sui social network. “A Bologna c’è chi dice no al Pd e al Governo Renzi- twitta Hobo- Mandiamolo a casa, cacciamo Renzi. Verso e oltre il referendum”. Da oggi, il collettivo è impegnato a diffondere questi e altri volantini contro la riforma costituzionale anche con banchetti in vari punti della città. “Oggi siamo di fronte alla Coop di piazza Malpighi- scrive Hobo su Facebook- uno dei pezzi del sistema di potere feudale del Pd”.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»