NEWS:

Morgan rimane giudice di X Factor dopo le frasi omofobe: “Le parole sono armi, donerò il mio cachet”

Il talent riparte il 14 settembre con la conferma del cantautore che, con i soldi ricevuti, aiuterà Casa Arcobaleno, l'associazione che supporta ragazzi e ragazze rifiutati dalle famiglie per aver fatto coming out

Pubblicato:12-09-2023 13:22
Ultimo aggiornamento:12-09-2023 15:27
Autore:

morgan
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – “Quel concerto è stato un momento difficile, dove si è creata una dinamica complessa. Ha generato un evidente errore linguistico. Le parole sono molto importanti e possono essere delle armi pesanti, per questo ho voluto fare un gesto concreto, ho voluto dare concretezza alle mie scuse”.

Commenta così Morgan il suo exploit al Festival della Bellezza di Selinunte. Lo fa alla conferenza stampa di presentazione di X Factor 2023 che lo vede confermato come giudice.

LA DONAZIONE DEL CACHET

Il cantautore si è già scusato nelle scorse settimane e oggi arriva la conferma della donazione del cachet in beneficenza, come fa sapere Sky: “Abbiamo già fatto la donazione, abbiamo scelto il progetto di Casa Arcobaleno che ci sta molto a cuore. Qui i ragazzi che vengono rifiutati dalle famiglie trovano una famiglia allargata, un rifugio”. La cifra non è stata rivelata, ma sarà utile per ristrutturare quattro appartamenti a Milano dell’associazione. Serviranno per accogliere ragazzi e ragazze rifiutati da genitori e parenti per aver fatto coming out. Questo “rappresenta i valori di inclusione che per Sky sono molto importanti”.


È stato un bellissimo concerto, chi non l’ha vissuto, giustamente, si è sentito offeso da una estrapolazione. Ma se vogliamo parlare di quello che ha potuto generare, è stata l’occasione di trasformare l’errore in un momento in cui si parla di questa cosa. Possiamo continuare a parlarne ma dopo X Factor”, dice ancora Morgan.

X Factor tornerà, in prima serata, dal 14 settembre su Sky Uno e Now.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it