hamburger menu

Rai ‘spegne’ radio per italiani in Croazia e Slovenia, Pd: gravissimo

Dem contro cancellazione delle trasmissioni: obblighi disattesi, attivare sanzioni finanziarie

Pubblicato:12-09-2022 18:25
Ultimo aggiornamento:12-09-2022 18:25
Canale: Friuli Venezia Giulia
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Roma – “È gravissima la decisione unilaterale della Rai di cancellare le trasmissioni radiofoniche in AM (modulazione d’ampiezza) della sede del Friuli Venezia Giulia dedicate alla comunità slovena della regione, alla comunità degli italiani che vivono in Croazia e in Slovenia, nonché le trasmissione dedicate alla generalità degli utenti del Fvg. Con questo atto la Rai disattende gli obblighi previsti dalla specifica convenzione stipulata con il Governo italiano. L’esecutivo, e segnatamente il Dipartimento per l’Editoria, deve a questo punto tutelare gli interessi della comunità e attivare le sanzioni finanziare contro la Rai previste dalla Convenzione”. Lo segnalano la presidente del gruppo Pd alla Camera Debora Serracchiani e la senatrice Tatjana Rojc (Pd), dopo che il servizio pubblico ha abbandonato dall’11 settembre le frequenze radio AM per puntare sulle stazioni FM, sul DAB e sulle dirette streaming.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-09-12T18:25:48+01:00