Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, Mediterranea: “A bordo di nave Mare Jonio i naufraghi bloccati da 38 giorni”

I naufraghi salvati da oltre un mese dalla nave cargo Maersk Etienne ancora senza un porto dove sbarcare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa notte MRCC di Roma Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera e il CIRM – Centro Internazionale Radio Medico hanno tempestivamente risposto a una richiesta di urgente evacuazione medica, in codice “Medevac”, partita dalla nave Mare Jonio. In serata, infatti, si erano aggravate le condizioni di salute della donna al quarto mese di gravidanza, gia’ duramente provata da oltre un mese di permanenza, senza assistenza sanitaria da terra, a bordo della Maersk Etienne”. Lo scrive su Facebook Mediterranea Saving Humans, la cui nave Mare Jonio ha trasferito a bordo nei giorni scorsi i naufraghi bloccati da 38 giorni sul mercantile danese Maersk Etienne.

“Dalla Capitaneria di Porto di Pozzallo e’ partita una unita’ veloce SAR della Guardia Costiera, la CP325, con a bordo un medico del Pronto Soccorso siciliano. Alle 23.35 il nostro Team Medico-Sanitario ha rapidamente concluso l’imbarco della donna, ora ricoverata in ospedale sulla terraferma, e del marito che l’accompagna. Nave Mare Jonio si trova in questo momento fuori dalle acque territoriali nazionali a circa 15 miglia nautiche dal porto di Pozzallo. Ieri sera alle 21.05, di fronte alle gravi violazioni del diritto internazionale commesse da Malta in questo caso, abbiamo formalmente chiesto alle Autorita’ Italiane l’assegnazione di un porto sicuro (Place of Safety) per i 25 naufraghi rimasti a bordo. Non abbiamo finora ricevuto alcuna indicazione. La notte a bordo e’ trascorsa tranquilla, ma i nostri ospiti continuano a chiedere notizie del loro sbarco e le loro condizioni fisiche e psicologiche rimangono gravi e preoccupanti. Devono essere portati a terra al piu’ presto. Basta poco per far finire adesso questa vergogna”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»