Imprese, il sondaggio della Cna: “Sfiducia e cala fatturato, autunno nero per le Pmi”

La rilevazione condotta sulle imprese romane ha permesso di raccogliere piu' di 400 questionari, utili a tracciare un quadro dei vissuti degli imprenditori romani durante il primo semestre dell'anno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Autunno nero per le pmi della capitale, il fatturato di fatto e’ dimezzato. E’ il quadro che emerge dall’indagine congiunturale sugli effetti della pandemia sulle imprese romane che la CNA di Roma ha affidato a SWG. La rilevazione ha raccolto piu’ di 400 questionari, utili a tracciare un quadro dei vissuti degli imprenditori romani durante il primo semestre dell’anno e a verificare le attese rispetto al secondo semestre.

I dati evidenziano come solo una minoranza delle imprese intervistate e’ riuscita a mantenere produzione e fatturati sui livelli del 2019, a fronte di un 80% che ha visto una riduzione di tutti gli indicatori fondamentali. Circa il 40% degli intervistati stima nel primo semestre un fatturato e un utile piu’ che dimezzato rispetto allo scorso anno.

Il fatturato totale e’ diminuito dell’85% nel primo semestre secondo la platea ascoltata, l’utile lordo dell’84%, gli ordini dell’82%, la produzione totale del 79%, il totale ore lavorate del 69%, le ore di straordinario del 65%, il numero di addetti e dipendenti del 21%. Solo il 31% delle aziende ha fatto investimenti, per lo piu’ per una maggiore informatizzazione e formazione del personale, mentre il 25% non li ha fatti ma pensa di farli nel secondo semestre. Il 44% non ha fatto investimenti e non pensa che li fara’ nemmeno dopo. Principalmente sono state le aziende del commercio ad aver investito in innovazione (22%).

Oltre il 60% delle imprese ha utilizzato gli ammortizzatori sociali nel primo semestre e quasi la meta’ pensa di farlo anche nel secondo. Infine, oltre la meta’ delle imprese romane (52%)nel primo semestre ha chiesto nuovi prestiti bancari mentre 1 su 4 ha negoziato prestiti esistenti. Fosche le previsioni anche per il secondo semestre. Il fatturato totale sara’ diminuito per il 68% degli intervistati, con un quadro disaggregato che conferma il quadro del primo semestre. Secondo le imprese romane, gli investimenti nel secondo semestre saranno ancora piu’ concentrati su digitalizzazione (57%) e formazione (61%), poi e-commerce (54%), formazione dei dipendenti (51%), rinnovo dei locali (30%), ricapitalizzazione dell’azienda (26%), studi di mercato (23%).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»