Crisi, Fortuna: “Rilancio del ‘Qe’? Necessario di fronte al rallentamento dell’economia”

Lo ha detto il Rettore dell’UniCusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La decisione della Bce di rilanciare il QE “ce l’aspettavamo era nell’aria una nuova manovra di politica monetaria, di sostegno ai Paesi dell’Eurozona che, come l’intero globo, sta soffrendo. Di fronte a un rallentamento generale, per dare la possibilità alle imprese di avere maggiori chance di produrre e di avere i finanziamenti necessari, si pongono in essere manovre che fino a qualche mese fa non erano ritenute necessarie. L’acquisto di titoli per 20 miliardi al mese, a partire da novembre, determina l’immissione di liquidità sul mercato. E i tassi sui depositi al -0,5% faciliteranno la concessione di prestiti alle imprese da parte delle banche per aiutare il circuito produttivo. Certamente è un momento delicato per la Bce, considerando il cambio di presidenza che avverrà a novembre, ma Draghi ha voluto lasciare a Lagarde una strada già delineata. I mercati hanno reagito positivamente a questi messaggi della BCE perché sono proprio a tutela dell’andamento dei sistemi economici”. Lo ha detto il Prof. Fabio Fortuna, Rettore dell’UniCusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

Riguardo i dati Istat sul calo della disoccupazione al 9,9%, il Rettore ha detto: “Indubbiamente il fatto che sia sotto la soglia del 10% a livello psicologico è importante- ha affermato Fortuna- Anche il numero degli occupati è cresciuto. I dati relativi all’occupazione sono globalmente positivi e si contrappongono ad altri dati che invece sono negativi, primo su tutti quello relativo alla produzione industriale che nel secondo trimestre ha sofferto molto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»