Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Franceschini: “Al lavoro per un unico Salone del libro Torino-Milano”

Per il momento "c'è un'intesa e una disponibilità all'accordo", dice il ministro della Cultura, e una riunione già fissata per martedì prossimo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

libri

ROMA – Si è deciso di “lavorare per la costruzione di un unico evento che metta insieme Milano e Torino, nelle stesse date, che lavori sulla differenziazione di ciò che farà Torino e ciò che farà Milano, che porti a una unica governance”. Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, lo dice al termine della riunione sul tema del doppio salone del libro.

“Questo lavoro dovrà essere molto approfondito, e quindi ci siamo dati come impegno di reincontrarci martedì prossimo, nel pomeriggio- prosegue Franceschini, ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo- e da qui ad allora ci sarà un lavoro degli sherpa fatto di preparazione, perché va approfondito sia esattamente come può avvenire questa differenziazione di funzioni di un unico evento su due sedi”, sia un approfondimento “anche da un punto di vista giuridico rispetto a soggetti che ci sono già”. Attualmente “c’è un’intesa e una disponibilità all’accordo“, aggiunge Franceschini.

di Roberto Antonini, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Salone del libro, gli editori dicono ‘sì’ a Fiera Milano. Addio Torino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»