hamburger menu

È morto Claudio Garella, storico portiere del primo scudetto di Verona e Napoli

Soprannominato 'Garellik' per il suo stile unico, fu protagonista della vittoria del campionato con i gialloblù di Bagnoli e i partenopei guidati da Maradona. Aveva 67 anni

12-08-2022 13:47
verona_claudio_garella_morto
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – È morto l’ex portiere Claudio Garella. Nato a Torino, squadra in cui era anche cresciuto, aveva 67 anni ed è deceduto per problematiche cardiache in seguito a un intervento chirurgico. Garella è stato il portiere degli scudetti dove non si erano mai visti. E pure il portiere “più forte al mondo con i piedi”, come lo ribattezzò Gianni Agnelli. L’estremo difensore, soprannominato ‘Garellik‘ per il suo stile unico e fuori dai canoni, è stato protagonista di due scudetti storici: quello vinto con il Verona di Bagnoli nel 1984/85 e quello conquistato con il Napoli nella stagione 1986/87, in cui i partenopei guidati in campo dalla stella di Maradona vinsero anche la Coppa Italia.

Ma a Garella, appassionato di fumetti, nella sua esperienza alla Lazio (1976-78) fu affibbiato anche il soprannome fu ‘Paperella‘ a causa di una serie di prestazioni non proprio positive.

IL SALUTO DI VERONA E NAPOLI A GARELLA

Sul suo sito ufficiale, il Verona “piange la scomparsa di una autentica Leggenda della propria storia ultracentenaria”. Mentre in casa Napoli si esprime “profondo cordoglio per la scomparsa di un indimenticabile protagonista della nostra storia“.

LA CARRIERA DI GARELLA

Garella lascia la moglie e due figlie. Nella sua carriera, oltre alle esperienze con Verona e Napoli, Garella aveva difeso anche la porta di Novara, Lazio, Sampdoria, Udinese e Avellino. Dopo il ritiro, aveva intrapreso la carriera di allenatore e dirigente nelle serie minori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-12T13:47:56+02:00

Ti potrebbe interessare: