Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al Jazeera: “Il governo afghano ha offerto ai talebani di condividere il potere”

base militare bagram afghanistan
Secondo l'emittente, l'offerta del premier Ghani ai miliziani sarebbe arrivata tramite il Qatar. L'obiettivo è fermare i combattimenti che hanno causato oltre 240mila sfollati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo afghano avrebbe offerto alle milizie dei talebani “di condividere parte del potere” dopo che questi ultimi hanno conquistato la decima capitale di provincia nel lasso di una settimana: si tratta di Ghazni, situata 130 chilometri a sud della capitale Kabul. A riferire della proposta è stata l’emittente regionale Al Jazeera, che sostiene di averlo appreso da una fonte interna al governo del presidente Ashraf Ghani.

LEGGI ANCHE: In Afghanistan razzi contro il palazzo presidenziale durante la preghiera, che non si interrompe

Stando a quanto si legge sul sito dell’emittente, l’offerta sarebbe stata trasmessa ai miliziani tramite il Qatar, dove da tre giorni si stanno svolgendo dei negoziati tra talebani e governo. L’obiettivo dell’esecutivo di Ghani sarebbe quello di mettere almeno fine ai combattimenti tra esercito regolare e guerriglieri, che stando ai dati dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), hanno provocato oltre 240mila sfollati in soli quattro mesi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»