Arriva il maltempo, piogge e temporali sul nord Italia

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un promontorio posizionato sul Mediterraneo centrale, indebolito dalla presenza di un minimo in quota sui settori occidentali europei, lascera’ spazio, nel corso delle prossime ore, al transito sull’Italia di aria in quota relativamente piu’ fresca. Questo elevato contrasto termico, con conseguente spiccata instabilita’ atmosferica, sara’ la causa della formazione di temporali sparsi su gran parte delle regioni settentrionali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticita’ idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticita’ e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (http://www.protezionecivile.gov.it). L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, mercoledi’ 12 agosto, precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Lombardia, Veneto e sulla Provincia Autonoma di Trento.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensita’, frequente attivita’ elettrica, grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni in atto e previsti, e’ stata valutata per domani, giovedi’ 13 agosto, allerta gialla sulla Lombardia e su parte di Piemonte, Trentino Alto Adige e Veneto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»