Uova contaminate, Codacons: “Ue smentisce ministero della Salute”

ROMA - "L’Unione Europea, inserendo anche l’Italia nella lista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Unione Europea, inserendo anche l’Italia nella lista dei 15 paesi che hanno ricevuto uova dalle aziende coinvolte nello scandalo fipronil, ha di fatto smentito il nostro Ministero della salute, che aveva garantito l’assenza di rischi in Italia legati alla contaminazione delle uova”. Lo afferma il Codacons, che attacca le istituzioni sanitarie italiane.

“Ancora una volta si forniscono troppo presto rassicurazioni ai cittadini, quando sarebbe stato necessario istituire una rete di controlli preventivi- afferma il presidente Carlo Rienzi- Solo a posteriori si è deciso di incrementare le verifiche attraverso le regioni, una scelta tardiva e del tutto insufficiente. Il vero problema, ribadiamo ancora una volta, è costituito dai prodotti lavorati con uova di provenienza estera, per i quali i cittadini non hanno alcuna possibilità di conoscere l’origine elle materie prime”.

“Proprio a garanzia della salute dei consumatori chiediamo di sospendere la commercializzazione in Italia di tutti quegli alimenti trasformati che contengono al loro interno uova provenienti da uno dei paesi classificati a rischio dalla Ue”, conclude Rienzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»