Torvaianica, al via la raccolta differenziata per i proprietari…

Giovedì 18 agosto l'inaugurazione delle tre ecostazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Cartello_di_entrata_a_Torvaianica01ROMA – Tutto pronto per l’avvio del servizio di raccolta differenziata sul litorale di Torvaianica per i proprietari di seconde case. Giovedì 18 agosto alle 10.00 verranno inaugurate e attivate le tre ecostazioni installate a Campo Ascolano (via Lago Maggiore), Torvaianica Centro (lungomare delle Sirene) e presso il parcheggio centrale di via Polonia.

Le ecostazioni consentiranno il conferimento dei rifiuti differenziati (plastica e metalli, carta, vetro, organico e non riciclabile) tutti i giorni a tutte le ore esclusivamente per i proprietari di seconde case a Torvaianica, attraverso l’utilizzo della tessera sanitaria degli intestatari della Tari non residenti regolarmente registrati presso gli Uffici comunali.

“Un’iniziativa che potenzia ancora di più la raccolta differenziata in Città – dichiara il Sindaco Fabio Fucci – e che risponde ai tanti cittadini di Torvaianica che ci hanno richiesto una soluzione alla gestione dei rifiuti per i proprietari di seconde case, che non possono seguire il quotidiano calendario di raccolta.

Le ecostazioni si aggiungono alle tante iniziative che hanno preso il via a Pomezia con la nostra Amministrazione e che hanno l’obiettivo di rendere il territorio più bello e pulito: porta a porta in tutta la Città; macchine mangia-rifiuti; case dell’acqua; ecoisole su tutte le spiagge; isola ecologica a Torvaianica; videosorveglianza contro l’abbandono dei rifiuti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»