Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti, Galletti: “Solidarietà tra regioni è indispensabile”

Gian Luca Galletti, ministro dell'Ambiente, intervistato sull’emergenza rifiuti in corso a Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gianluca Galletti (1)ROMA – “Credo che nei momenti di emergenza la solidarietà tra le regioni ci debba assolutamente essere. Occorre far scattare un federalismo solidale sul trasferimento dell’immondizia”. Così Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, intervistato sul Messaggero dal giornalista Mario Ajello sull’emergenza rifiuti in corso a Roma, Galletti spiega: “E’ inaccettabile che non ci sia il concorso di tutti, per evitare che l’Italia vada sui media del mondo con l’immagine della sua capitale sommersa dai rifiuti. Il Colosseo come una discarica è una cosa che non voglio vedere e che nessuno può tollerare, né chi a Roma ci vive né chi guarda Roma da fuori”. Il governo ha fatto la sua parte con l’articolo 35 dello Sblocca Italia”.

Ha precisato Galletti in merito alle responsabilità dello stallo decisionale in corso. “Nella prima versione di questa legge, mi ero assunto io come ministero la responsabilità di decidere quanta immondizia andava in una regione e quanta in un’altra nei casi di emergenza. La conferenza Stato-Regioni – ha chiarito il ministro dell’Ambiente – ha voluto riportare invece a un accordo tra le regioni il trasferimento dei rifiuti. Ora si accordino, invece di litigare. Essere una nazione è questo: aiutarsi reciprocamente”.

Inoltre secondo Galletti i comuni in situazione di emergenza che ricevono aiuto devono fare la loro parte: “Mettendo in campo piani credibili per uscire dall’emergenza. Perché in Italia esistono regioni che si sono assunte le loro responsabilità e hanno chiuso il ciclo dei rifiuti anche attraverso scelte impopolari – ha concluso il ministro Galletti – come la costruzione di termovalorizzatori, e non è giusto che questi luoghi paghino per chi queste responsabilità non se le vuole assumere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»