hamburger menu

Silvia Venturini Fendi: “Con la Roma Fashion Week di Altaroma la città ha cambiato pelle”

"Roma è oggi la culla del nuovo made in Italy e della creatività"

Pubblicato:12-07-2022 15:09
Ultimo aggiornamento:12-07-2022 15:47
Canale: Costume e Società
Autore:
SILVIA_VENTURINI_fendi
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Culla dei nuovi volti della moda made in Italy, vetrina e contenitore di brand emergenti e indipendenti ma anche casa che accoglie studentesse e studenti di scuole e accademie: è la Roma Fashion Week di Altaroma che torna in città con una nuova edizione in programma fino al 15 luglio. “La fashion week degli sconosciuti che un giorno saranno noti”, afferma con convinzione, da sempre, la Presidente di Altaroma Silvia Venturini Fendi, intervistata oggi dall’agenzia Dire.

LEGGI ANCHE: Altaroma, la sfilata dei designer dello Ied è un manifesto alla bellezza imperfetta

“Sottolineare questo aspetto è importantissimo, è un aspetto meno mediatico ma non per questo meno importante. Alla Roma Fashion Week non ci sono nomi che tutti conoscono e per questo non ci sono i grandi titoli dei giornali, ma ci sono i giovani che un giorno ce la faranno e quando sarà così tutti parleranno di loro. Roma ha cambiato completamente pelle, è diventata qualcosa di diverso. Questa fashion week di Altaroma si è trasformata radicalmente e oggi le istituzioni e i soci che sostengono questo progetto da molti anni lo hanno dimostrato, avendo un’idea molto chiara di quello che sarà il futuro: un futuro delineato a livello nazionale. Che Roma sia la culla del nuovo, delle startup, dell’innovazione, della creatività e del talento è ormai assodato”.

La manifestazione ha dunque consolidato il suo ruolo strategico dedicato alle nuove generazioni sia a livello nazionale che internazionale ma, per questo 2022, porta con sé due importanti novità: un dialogo ritrovato con la città e un percorso che entro la fine dell’anno trasformerà Altaroma in una fondazione.

“Il dialogo che si è riaperto con la città è testimoniato dalla sfilata in Piazza del Campidoglio dove sfileranno i talenti di Who is On Next?- Continua la Presidente- Su quella piazza ci sarà la passerella di un concorso che è arrivato alla sua sedicesima edizione. Questo sottolinea quanto Roma creda nel sostegno ai giovani ed è un segnale importantissimo”.

E ancora grazie ad Altaroma le giovani promesse di scuole e accademie hanno avuto l’opportunità di assistere alla sfilata di Valentino dello scorso 8 luglio: “Gli studenti delle scuole di Roma hanno con noi un rapporto continuo da molto tempo e collaborano con numerosi progetti. Sosteniamo queste scuole che sono delle vere e proprie eccellenze che attraggono creativi da tutto il mondo. Lo vedremo nella sfilata in Piazza del Campidoglio, molti di questi giovani sono internazionali e scelgono l’Italia per produrre, perché sono tutte produzioni made in Italy. Questo dimostra quanto il nostro Paese sia attrattivo e concreto allo stesso tempo per chi vuole lavorare nella moda”. E a proposito di questo amore ritrovato tra la città di Roma e la moda, Silvia Venturini Fendi si augura che giornate come quella di oggi, alla Roma Fashion Week, ci siano tutto l’anno. 

FONDAZIONE ALTAROMA IN ARRIVO ENTRO IL 2022: SARÀ UN PASSO IN PIÙ PER LA CITTÀ

Smentite e affondate, ufficialmente, quelle ‘preoccupazioni’ o ‘dicerie’ che davano Altaroma e la Roma Fashion Week per spacciate. Questa mattina negli spazi dell’Ex Caserma Guido Reni ha preso il via la nuova edizione estiva della settimana della moda della capitale. In un simbolico taglio del nastro, la Presidente di Altaroma, Silvia Venturini Fendi, l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, Paolo Orneli, il Presidente della Camera di Commercio di Roma e l’assessora ai Grandi Eventi e alla Moda, Alessandro Onorato hanno parlato – all’unisono – di futuro e rinascimento. La notizia più importante, di cui si era già parlato, è che entro la fine dell’anno Altaroma diventerà fondazione: “Abbiamo approvato una norma di legge, ci sono gli accordi dei soci e stiamo andando avanti con gli incontri- ha detto l’assessore Orneli- La fondazione è uno strumento adatto a generare ulteriori collaborazioni. Aspetti tecnici operativi sono in corso“.

Ancora il Presidente Tagliavanti ha rassicurato i presenti specificando che “la fondazione rappresenta un passo in più per Altaroma e per la città: sarà una struttura più aperta, più solida e che potrà lavorare tutto l’anno“. Fondamentale per questo cambio di passo il protagonismo di Roma Capitale: “Una serie di interessi voleva schiacciare la moda a Roma, ma grazie al lavoro di Altaroma con Silvia Venturini Fendi Si è andati avanti- ha detto l’assessore Onorato- Vorrei ringraziare la Presidente per aver continuato questa impresa con coraggio. Oggi c’è un nuovo inizio che Roma merita. Per la città la moda è da sempre una vocazione, lo dice la storia ed è arrivato il momento di vivere questo rinascimento. La collaborazione tra pubblico e privato è la forza vincente. Avere una fondazione è importantissimo. Stasera Altaroma arriva a Piazza del Campidoglio, che è la piazza di tutti i romani. Una piazza che in linea con la filosofia di Altaroma si apre ai giovani e diventa più internazionale. Con il ritorno della moda in città non vogliamo contrapporci alle altre fashion week ma fare sistema”.

La nuova amministrazione capitolina ha dunque colto pienamente il ruolo strategico di Altaroma che con il suo lavoro proietta le nuove generazioni nel settore moda nazionale e internazionale. E, parlando di rinascita, confortano di dati relativi all’export del sistema moda romano: “Il primo trimestre del 2022 registra l’export più alto di sempre, con 251 milioni di euro- ha spiegato Tagliavanti- abbiamo superato i livelli pre-pandemia del 2019 con una crescita del 39% rispetto ai primi 3 mesi del 2019. Questo risultato dimostra dunque la forte capacità di adattamento delle imprese moda ai cambiamenti sul lato dell’offert prodotti da un mercato in continua evoluzione”. “Niente più della moda sa interpretare i cambiamenti di un tempo- ha aggiunto Orneli- Roma non è solo creativa ma anche produttiva”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-12T15:47:11+01:00