Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cortei e disordini a Cuba, il presidente Dìaz-Canel si appella “a tutti i rivoluzionari”

revolucionarios a las calles cuba orizz
Manifestazioni, con fermi e scontri tra dimostranti e agenti di polizia, si sono tenute a San Antonio de los Baños, ma anche nella capitale e in altre città. All'origine si sarebbero anche difficoltà economiche e restrizioni dovute al Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un monito contro la “destabilizzazione” e un appello “a tutti i rivoluzionari e ai comunisti” affinché “scendano in strada” è stato rivolto dal presidente Miguel Díaz-Canel dopo cortei e proteste ieri in diverse città di Cuba.

Secondo alcune fonti, le manifestazioni, durante le quali si sono verificati incidenti e disordini, sono state le più partecipate da 30 anni. Cortei, con fermi e scontri tra dimostranti e agenti di polizia, si sono tenuti a San Antonio de los Baños, a sud-est dell’Avana, ma anche nella capitale e in altre città. All’origine delle proteste, secondo fonti concordanti, ci sarebbero anche difficoltà economiche e restrizioni dovute al Covid-19.

revolucionarios a las calles cuba

All’appello di Díaz-Canel sono seguiti cortei di sostenitori del governo. Foto e video li documentano sui social network a volte con l’hashtag #LaCalleEsDeLosRevolucionarios, “la strada è dei rivoluzionari”.

LEGGI ANCHE: Cuba, l’assemblea Onu chiede la fine dell’embargo Usa: solo due voti contrari

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»