Nelle Marche i bagnini donano i lettini ai ‘colleghi’ di Numana

Dopo la tempesta che ha devastato le spiagge di Numana, nelle Marche è partita una gara di solidarietà tra stabilimenti balneari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Gara di solidarietà negli stabilimenti balneari marchigiani per aiutare i colleghi di Numana che hanno visto le proprie spiagge devastate dal maltempo di martedì. Ieri gli operatori di Ancona, Senigallia, Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio nel giro di poche ore hanno raccolto circa 100 pezzi tra ombrelloni, lettini e sdraio. L’obiettivo è di arrivare a quota 300. La consegna del materiale raccolto agli operatori balneari di Numana avverrà oggi alle 12.30.

Milano Marittima si rialza a tempo di record e chiama i turisti: “Venite a trovarci”

“Sono fiero della generosità nata dagli operatori di settore associati al Sib-Confcommercio Marche Centrali- commenta il direttore di Confcommercio Marche Centrali Massimiliano Polacco-. È nata una vera e propria catena della solidarietà tra i nostri stabilimenti balneari che ha portato subito ad un risultato concreto: reperire ombrelloni, lettini e sdraio da consegnare agli stabilimenti balneari che non ce l’hanno più. Adesso vogliamo consegnare il prima possibile questo materiale per dare la possibilità agli stabilimenti di Numana di riprendere a lavorare subito”.

Intanto la Lega in consiglio regionale ha presentato una mozione, in seguito all’ondata di maltempo, con cui richiede alla giunta di impegnarsi per richiedere il riconoscimento dello stato di emergenza (come già annunciato dal presidente Ceriscioli) e per attivare i propri canali di comunicazione per rassicurare i turisti.

Milano Marittima si rialza a tempo di record e chiama i turisti: “Venite a trovarci”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»