Migranti. Francia e Germania aprono su chi fugge da guerre, no a chi scappa per motivi economici

Vertice trilaterale tra Gentiloni, Merkel e Macron sui migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


TRIESTE – Apertura di Francia e Germania ai migranti che fuggono dalle guerre, poco spazio per quelli economici ed impegno comune per cercare di mettere pace nelle zone del Mediterraneo e dell’Africa ancora in crisi. Questa la parte principale del vertice trilaterale tra il primo ministro Paolo Gentiloni, la premier Angela Merkel, ed il presidente Emmanuel Macron, svoltosi a bordo del veliero Palinuro a margine del vertice sui Balcani occidentali in corso a Trieste.

Gentiloni, dopo i ringraziamenti di rito, e dopo il passaggio sulla necessità di avere una Unione Europea più coesa e forte esprime la necessità di “lavorare per una politica migratoria comune e condivisa. L’Italia- aggiunge il presidente del Consiglio- ha fatto e continuerà a fare la sua parte sul tema del soccorso e dell’accoglienza e contemporaneamente si batte perché la politica migratoria non sia affidata soltanto ad alcuni paesi ma condivisa da tutta la Ue con interventi concreti in Africa”.

Merkel rimarca invece che “l’Italia sta affrontando un grande compito avendo fatto qualcosa di fantastico per registrazione ed accoglienza dei rifugiati. Dobbiamo affrontare la lotta contro la migrazione illegale in Africa ed in altri paesi. Noi- aggiunge Merkel- vorremmo stabilizzare la Libia al fianco dell’Unhcr perché le persone possano essere trattate in modo degno”. Dall’altro lato, spiega ancora la cancelliera tedesca, serve un miglioramento delle prospettive economiche di molti paesi.

Macron è molto più tranchant sul tema dei migranti economici verso i quali non c’è nessuna apertura, discorso diverso per chi scappa dalle guerra, “per questo abbiamo presentato una proposta di legge per velocizzare le procedure di accoglienza”. Anche il presidente francese rimarca la necessità di un coordinamento dell’azione contro i trafficanti di armi, droga e uomini, gente che sfrutta la debolezza delle persone e che è in combutta con i terroristi. “Dobbiamo limitare i rischi per i cittadini africani”, conclude Macron.

I tre presidenti ribadiscono invece la necessità di una Europa forte e coesa, con Merkel che chiede un mercato unico digitale ed elogiando la crescita economica di tutta l’area Ue.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»