Investe un gatto e non lo soccorre. Multato

PIACENZA - Ha investito un gatto, lo ha visto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GATTOPIACENZA – Ha investito un gatto, lo ha visto che era agonizzante ed è scappato, senza neanche pensare di chiamare i soccorsi o fermarsi. Non ha fatto i conti, però, con altri automobilisti che lo hanno visto e ‘incastrato’, segnalando la sua targa alle forze dell’ordine. E così ora, per questo automobilista senza cuore, è scattata una multa per omissione di soccorso. L’episodio è successo la settimana scorsa a Piacenza in via Nino Bixio. L’automobilista, dopo aver investito il gatto, si è fermato per vedere l’accaduto ma poi si è allontanato lasciando l’animale agonizzante sull’asfalto. Alcuni cittadini presenti alla scena hanno preso nota del numero di targa e contattato il Comando della Polizia municipale di via Rogerio.

polizia municipaleNel giro di qualche giorno, il conducente è stato rintracciato e gli è stara contestata la violazione dell’articolo 189, comma 9 bis del Codice della Strada. Cioè l’omissione di soccorso. Che, in base alle nuove normative, non vale più solo per le persone, ma anche per gli animali, siano “d’affezione, da reddito o protett”. Chi li investe è tenuto per legge a “fermarsi e porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso. “Prestare la dovuta assistenza– spiega il comandante Stefano Poma– significa chiamare i servizi di emergenza e attendere l’arrivo dei soccorritori. In caso di necessità, i numeri da contattare sono quelli della Polizia municipale, Polizia stradale o del servizio veterinario dell’Azienda Usl di competenza territoriale. Qualora si assista a un evento simile, pur non essendo direttamente coinvolti, è opportuno annotare il numero di targa delle vetture interessate, per fornire agli agenti i dati utili a individuare e sanzionare i trasgressori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»