Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, aggredito al Pigneto lo street artist Alvarez

PIGNETO STREET ART
A darne notizia è l'associazione Pigneto Pop, organizzatore del Festival, patrocinato dal V Municipio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pochi minuti fa in via Macerata a Roma, in zona Pigneto, poco prima dell’inaugurazione del primo murale del Festival internazionale di street art ‘Regeneration pandemic Pigneto’, due giovani “si sono violentemente rivolti all’artista Alvarez inveendo inizialmente con insulti razzisti per poi colpirlo ripetutamente al volto con due schiaffi e un cazzotto. L’artista è stato portato in ospedale e la prognosi per ora rimane riservata“. A darne notizia è l’associazione Pigneto Pop, organizzatore del Festival, patrocinato dal V Municipio, prodotto da Lo.Pa future art e organizzato insieme a Waldo event network.

L’evento prevede fino al 27 giugno la realizzazione di tre grandi murales su tre muri del quartiere. Impegnati gli artisti Alvarez, Carlos Atoche, Fabio Petani e Chiara Vannucchi, che hanno iniziato a dipingere i muri del cinema Avorio in via Macerata per poi passare a Largo Venue sulla Prenestina e infine la Scuola Virginia Woolf.

“Il quartiere, il movimento Pigneto Pop e Lo.Pa esprimono solidarietà ad Alvarez e confermano l’inaugurazione del murale come previsto, senza cedere ad alcun tentativo di intimidazione sociale, politica e culturale“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»