Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali Bologna, Lepore: “Destra inquina primarie, Conti stoppi le avances”

isabella conti matteo lepore pd comunali bologna
"Vedo troppi esponenti di centrodestra e comitati contro l'amministrazione che dicono che verranno a votare a queste primarie"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il centrodestra sta cercando di “inquinare le primarie” a Bologna. Anche per questo “serve chiarezza e responsabilità” da parte di “tutti i partiti di centrosinistra”, che devono “chiudere le porte”, e anche da parte della candidata Isabella Conti, che deve “rifiutare le avances” della coalizione avversaria. A lanciare l’ultimatum è l’assessore e candidato alle primarie Matteo Lepore, questa mattina a margine di un’iniziativa.

“Siamo arrivati alla settimana finale- sottolinea- e devo rimarcare come in questo momento il centrodestra, in estrema difficoltà perchè non ha ancora individuato il candidato e sta battibeccando molto al proprio interno, sta cercando di inquinare la discussione di queste primarie”. Per questo, avverte Lepore, “chiedo a tutti nel centrosinistra di essere responsabili, di non lasciare porte aperte, perchè il centrodestra è in difficoltà e sta provando a entrare nella nostra discussione. Ci sono tracce evidenti”.

Lepore fa riferimento al “dibattito con Confindustria al quale hanno invitato anche Battistini”, ma anche alla mano tesa a Conti nei giorni scorsi da parte dello stesso candidato civico vicino al centrodestra. “Il senso delle primarie è importante- ammonisce Lepore- si voterà il candidato del centrosinistra. Quindi astenersi perditempo da destra che ci invitano a giocare con loro“.

E aggiunge: “Io da Battistini sto ricevendo inviti su Facebook a giocare a basket uno contro uno, Isabella invece sta ricevendo anche inviti a candidarsi col centrodestra. Credo che ci sia una differenza netta su questo. Isabella sta facendo il suo percorso, ma chiedo a tutti di dire chiaramente che si vuole stare nel centrosinistra e che non si accettano le avances della destra. Il candidato del centrosinistra deve avere un profilo netto, si deve sapere che è del centrosinistra. Non confondiamo le acque”, ribadisce Lepore.

Secondo Lepore, Conti “sta facendo il suo percorso in buona fede, quindi il mio non vuole essere un attacco. E’ una richiesta a tutti i dirigenti dei partiti del centrosinistra e alle persone che organizzano le primarie di essere chiari. E’ una questione di responsabilità collettiva: stiamo facendo una bella cosa, non roviniamola proprio adesso. Vedo troppi esponenti di centrodestra e comitati contro l’amministrazione che dicono che verranno a votare a queste primarie“.

Questo tentativo di influenzare i gazebo da parte del centrodestra è “di basso profilo- insiste Lepore- la destra dovrebbe tirare fuori le sue idee per la città, invece di venire a votare alle primarie. Vuol dire che non hanno gli strumenti per portare avanti una propria idea di città. Spero che si astengano. Chiedo rispetto alla destra per le nostre primarie e chiedo chiarezza a tutti gli esponenti del centrosinistra, non solo a Isabella”.

A Bologna, afferma l’assessore, “c’è un confine netto tra destra e sinistra. Poi il sindaco che sarà eletto sarà di tutti, ma il profilo di città che proponiamo deve avere due alternative, di destra e di sinistra. Bologna merita rispetto e che ci sia chiarezza”. Ai gazebo, insiste Lepore, “si sceglie il candidato migliore per rappresentare il centrosinistra alle amministrative dove ci confronteremo col centrodestra. Non si possono confondere le elezioni con le primarie, su questo dobbiamo essere molto chiari e responsabili. Le persone che verranno alle primarie sottoscriveranno un manifesto e si impegneranno a votare il centrosinistra. Quindi bene alle persone che vengono perchè hanno cambiato idea e che sottoscrivono un impegno. Ma ricordo che l’albo degli elettori delle primarie sarà reso pubblico, quindi è bene che chi entra nel campo del centrosinistra lo faccia assumendosi un impegno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»