fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 12 giugno 2020

INCHIESTA ZONA ROSSA, CONTE ASCOLTATO PER TRE ORE DAI PM

Sono arrivati a Palazzo Chigi con un anticipo di mezz’ora i magistrati guidati dalla pm Maria Cristina Rota che indagano per la mancata zona rossa ad Alzano e Nembro. E sono rimasti fino a sera, dopo aver ascoltato per tre ore il premier Giuseppe Conte e nel pomeriggio i ministri Roberto Speranza e Luciana Lamorgese. Il presidente del consiglio si e’ detto tranquillo: “rifarei tutto” ha detto spiegando di aver agito in scienza e coscienza. Ma il lungo interrogatorio lascia pensare che potrebbe essere raggiunto da un avviso di garanzia. Se cosi’ fosse sarebbe un atto dovuto ma dagli effetti politici imprevedibili.

IL PIANO DEL PREMIER AGLI STATI GENERALI

Ursula Von der Leyen e Christine Lagarde parteciperanno domani alla prima giornata degli Stati generali dell’economia convocati dal premier Conte a Villa Pamphilj. La posizione dell’Europa non è cambiata: per l’Italia sono a disposizione oltre 200 miliardi da spendere per la ripresa, ma a Roma viene chiesto di fare le riforme. Il presidente del Consiglio assicura di lavorare a un piano che anticiperà in questi giorni prima alle istituzioni europee e poi alle parti sociali. Quel che invece non farà sarà creare un suo partito. “Sarebbe folle”, ha detto Conte in una intervista rilasciata ai sei maggiori quotidiani.

FS, ECCO IL PIANO ESTIVO CON UN’APP ANTI-COVID

Orari estivi, al via domenica, pensati per le abitudini di vita ormai modificate. Trenitalia presenta la sua offerta mettendo il viaggiatore al centro del proprio piano dopo tre mesi di emergenza covid. Dal 22 giugno sarà scaricabile un’app per il self check-in e per conoscere quanti posti sono rimasti liberi su alcune tratte regionali. Pronto anche un treno per il trasporto fino a 25 malati. Sarà il primo in Europa. Sul business, assicura infine l’ad e dg del Gruppo Fs Italiane, Gianfranco Battisti, “porteremo avanti un grande piano investimenti da 20 miliardi per le infrastrutture materiali e immateriali”.

IMPRESE PIU’ GREEN, MA POCHI I BILANCI SOSTENIBILI

La sostenibilità è sempre più importante anche per le imprese, ma quelle che dichiarano di aver redatto bilanci e rendicontazioni ambientali e di sostenibilità sono meno di 4 su 100. Lo segnala l’Istat, che spiega come circa 7 aziende su 10 dicano di essersi impegnate per migliorare il benessere del personale, ridurre l’impatto ambientale e aumentare la sicurezza. La quota di quelle che hanno presentato un Bilancio di sostenibilità sale al 30,8% solo tra le grandi imprese.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»