Scuola, Gallo (M5s): “Patto con il mondo della cultura per la ripartenza”

Lo spiega, in un'intervista all'agenzia Dire, il presidente della Commissione Cultura della Camera Luigi Gallo, esponente dei Cinquestelle
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “In Commissione stiamo portando avanti un lavoro importante per garantire la ripartenza in sicurezza e per progettare la scuola dei prossimi anni, una scuola sicura, innovativa e di qualita’”. Lo spiega, in un’intervista all’agenzia Dire, il presidente della Commissione Cultura della Camera Luigi Gallo, esponente del Movimento 5 Stelle.

“Abbiamo messo in campo 185 milioni per affrontare le problematiche relative alla didattica a distanza e ci sono 1,4 miliardi stanziati attraverso il decreto rilancio per la ripartenza”. Ma ulteriori fondi, assicura Gallo, saranno reperiti per “dare una prima risposta ai drammatici ed endemici problemi che abbiamo ereditato. I problemi strutturali di cui soffre l’istruzione nel nostro Paese non possono essere imputati ne’ a questo governo ne’ alla ministra Azzolina”. Ci sara’ spazio per recuperare risorse aggiuntive “in particolare dal recovery fund, ma anche dallo scostamento di bilancio. L’obiettivo – dice il presidente della Commissione Cultura – e’ portare avanti le battaglie storiche del Movimento 5 Stelle, come la riduzione nel numero degli alunni per classe. Non abbiamo la bacchetta magica, ma abbiamo iniziato questa battaglia dall’inizio della legislatura e gradualmente la porteremo avanti”. Fondi aggiuntivi occorrono anche per “l’edilizia scolastica e per il personale”, fondamentali per garantire una ripartenza in sicurezza con adeguato distanziamento.

LEGGI ANCHE: Scuola, sciopero a Napoli: “Qui classi pollaio, distanziamento irreale”

“Il nuovo anno deve partire all’insegna di una grande alleanza tra il mondo della cultura e il mondo della scuola, che dovra’ aprirsi e innovarsi maggiormente”, sostiene Gallo, che su questo tema ha presentato un emendamento al decreto Rilancio, la cui discussione in commissione Bilancio iniziera’ la prossima settimana. Si prevede lo svolgimento di attivita’ didattiche da tenersi all’aperto, in spazi come teatri, cinema e luoghi della cultura statali, musei, biblioteche, archivi, le aree e i parchi archeologici o i complessi monumentali.

LEGGI ANCHE: Scuola, Azzolina: “Piano da 4 miliardi per rientro a settembre. Possibilità di divisori tra banchi”

Un patto cultura-scuola che passa anche da un’altra misura, quella della Card Cultura, un bonus rivolto alle famiglie con minori a rischio o ragazzi svantaggiati per contribuire alle spese per l’acquisto di libri, prodotti e servizi culturali, ma anche per visitare un museo o andare a teatro. La Card esiste gia’, ma Gallo ha presentato un emendamento al decreto Rilancio “per rafforzare questo strumento ed arrivare a piu’ famiglie possibili. Oggi il fondo ha un milione di euro e chiediamo di ampliarlo a 50 milioni. Si tratta di una misura in piena sintonia con il Family Act varato dal governo, che consentira’ a bambini e ragazzi svantaggiati di vivere esperienze culturali. Interveniamo con politiche attive per contrastare un fenomeno come quello della poverta’ educativa che spesso arriva sui giornali solo con freddi numeri ma nella realta’ c’e’ abbandono, prostituzione minorile e baby gang che iniziano a spacciare”. Infine, un ulteriore emendamento riguarda il personale Ata: anche in questo caso infatti “la scuola necessitera’ di piu’ personale che vigila e sanifica per una ripartenza in sicurezza”. “Il Movimento 5 Stelle e tutta la maggioranza – spiega il presidente della Commissione Cultura – stanno elaborando dal parlamento una cornice su piu’ punti per definire i punti strategici per la ripartenza della scuola a settembre e per il rilancio nei prossimi anni, una cornice che auspichiamo venga presto completata con lo stanziamento di ulteriori fondi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»