Cinema, Anec: “In sala senza mascherina, il Governo ha accolto le nostre richieste”

"Plauso per misure uniformi e sostenibili per la ripresa"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il Dpcm pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella notte del 12 giugno conferma la possibilità di riaprire le sale cinematografiche da lunedì 15 giugno. I protocolli definiti con validità fino al 14 luglio accolgono le osservazioni presentate dall’Associazione Nazionale Esercenti Cinema che richiedeva un allineamento con altre attività aperte al pubblico. Al cinema si può andare con i propri familiari e congiunti e stare seduti accanto, mantenendo il distanziamento da altri gruppi di persone; non vi è obbligo di indossare la mascherina quando si è seduti in sala; possono essere aperti i punti ristoro all’interno delle strutture cinematografiche”. è quanto si legge in una nota dell’Anec, Associazione Nazionale Esercenti Cinema.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, dal 25 giugno si può giocare a calcetto. Ma fino al 30 no a viaggi extra Ue

“Un ringraziamento e un plauso all’intervento del ministro Franceschini e dei suoi più stretti collaboratori, Lorenzo Casini e Salvatore Nastasi, per il sostegno dimostrato al cinema– dichiara Mario Lorini, presidente dell’Anec– e alla determinante azione della Conferenza delle Regioni che ha recepito le istanze degli esercenti. Un passo importante per consentire la ripartenza del settore di spettacolo, fermo da quasi 4 mesi con oltre 30 milioni di presenze perdute e con un percorso di ripartenza che sarà graduale e porterà entro poche settimane ad un ritorno a regime con nuovi titoli in arrivo nelle sale”.

Per Anec “il cinema in Italia può ripartire uniformemente a quanto avviene nei principali mercati europei, dimostrando di essere pienamente allineato anche sotto l’aspetto della sicurezza degli spettatori e tutela dei nostri collaboratori. Adesso pensiamo a una importante campagna di comunicazione a sostegno delle sale che riaprono. Cinema di città, multisale, arene all’aperto, gli esercenti progressivamente riapriranno e sono pronti ad accogliere il pubblico. Al raggiungimento di questo importante risultato ha contribuito un grande lavoro di squadra svolto da tutto il settore dello spettacolo e dell’industria cinematografica, sempre al fianco delle nostre posizioni. Un grazie quindi va all’Anica e al suo presidente Rutelli– conclude Lorini– alla sezione distributori e al suo presidente Lonigro e infine all’Agis e al suo presidente Fontana che ha condiviso e sostenuto costantemente le istanze per tutti i luoghi di spettacolo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»