A Roma dal 2 luglio ‘Auditorium reloaded’: apre Max Gazzè

Una delle prime stagioni di concerti e spettacoli in Italia a riprendere nel pieno rispetto delle attuali disposizioni vigenti anticovid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Fondazione Musica per Roma riaccende la musica con ‘Auditorium Reloaded’, una delle prime stagioni di concerti e spettacoli in Italia a riprendere nel pieno rispetto delle attuali disposizioni vigenti anticovid. Un forte segnale di ripartenza voluto da Fondazione Musica per Roma dopo tre mesi di lockdown. La cavea progettata da Renzo Piano ospiterà 1.000 spettatori. ‘Auditorium Reloaded’ apre il 2 luglio con tre concerti di Max Gazzè e prosegue tutta l’estate ospitando alcuni tra i nomi più importanti del panorama musicale italiano: Nicola Piovani (15/7), Alex Britti (17-18/7) Diodato (25-26-27/7), Enzo Avitabile – Acoustic World (5 agosto), Gino Paoli e Danilo Rea (settembre), spettacoli musicali come La Notte del Caffè con Nando Citarella & Tamburi del Vesuvio; Stefano Saletti & Banda Ikona; Pejman Tadayon Sufi Ensemble (4 agosto) e il tradizionale appuntamento estivo Ballo con l’Orchestra Popolare Italiana diretta da Ambrogio Sparagna. Inoltre le stelle del jazz come Stefano Bollani (19 luglio), che presenta un progetto in anteprima mondiale, e Paolo Fresu che in un doppio concerto con il pianista Roberto Negro ospite Filippo Vignato (30 luglio) aprirà la nuova edizione di Una Striscia di Terra Feconda. Non mancherà anche un appuntamento con il ciclo Lezioni di Rock dedicato quest’anno ai Beatles ‘Da Abbey Road a Let it be, l’ultimo anno dei Beatles’ con Gino Castaldo ed Ernesto Assante (11 luglio). La Cavea dell’Auditorium ospiterà anche la stagione estiva dell’Orchestra e del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia che l’Istituzione annuncerà a breve.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»