Fico: “Ong del Mediterraneo fanno solidarietà. Paesi siano uniti”

"Ringrazio la Spagna che ha fatto un gesto di solidarietà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le Ong che lavorano nel Mediterraneo fino a prova contraria sono organizzazioni che fanno e danno solidarietà. Fanno un grande lavoro”. Da Napoli il presidente della Camera, Roberto Fico, torna a difendere le organizzazioni non governative attive nel salvataggio dei migranti. “Se c’è qualcosa che non va in una Ong – avverte – non significa che anche tutte le altre non vanno. E’ come dire che se un politico è corrotto lo sono tutti. Non bisogna fare di tutta l’erba un fascio“. Ma chiarisce: “la mia non è una contrapposizione a Danilo Toninelli. Bisogna ragionare – continua Fico – non andando verso lo scontro o facendo polarizzazioni tra “buoni e cattivi” ma avendo un pensiero che sia vicino alla complessità del momento. Ci si deve mettere a un tavolo e bisogna ragionare su quello che vogliamo fare”. Per affrontare le emergenze future “occorre sedersi ai tavoli europei – sottolinea – e parlare del regolamento di Dublino”.

 

“PAESI MEDITERRANEO SIANO UNITI PER SOLIDARIETÀ EUROPEA”

“Io ringrazio la Spagna che ha fatto un gesto di solidarietà. I Paesi del Mediterraneo devono essere uniti nel chiedere una politica differente all’Europa”. Così Roberto Fico, presidente della Camera, parlando della vicenda Aquarius a margine di un incontro all’università di Napoli Federico II.  La terza carica dello Stato chiede che ci sia una “solidarietà europea condivisa” sui migranti, in particolare “devono esserci – dice – quote proporzionali distribuite in modo equo, secondo calcoli giusti. E’ quella la direzione”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»