Toninelli: “Chiusura dei porti mai stata all’ordine del giorno”

"Nel governo totale condivisione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Salvini non ha mandato nessuna lettera. Esiste una mail inviata dalla guardia costiera al porto della Valletta per chiedere di aprire i porti. La chiusura dei porti italiani non è mai stata all’ordine del giorno”. Lo dice Danilo Toninelli (M5s), ministro delle Infrastrutture e dei trasporti a ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. “Le non risposte di Malta negli ultimi anni- aggiunge- hanno portato molte ONG a non chiamare neppure La Valletta per aprire i porti. Per questo Aquarius è stata fermata in attesa di una risposta. Le leggi o valgono per tutti o per nessuno”. “Cosa chiederò ai nostri porti nel prossimo caso? Non lo so, va valutato caso per caso”, sottolinea Toninelli.

“NOBEL PACE ALLA MARINA? SÌ, GRANDE UMANITÀ”

“Premio Nobel per la pace alla Marina e a chi fa salvataggi? Sono d’accordissimo. Sono militari con una grande umanità. Anche le Ong? Parlo della capitaneria di porto”.

“NEL GOVERNO TOTALE CONDIVISIONE”

“C’è stata una condivisione all’interno del governo totale. Abbiamo messo i nostri tecnici a lavorare, vogliamo dare le soluzioni che finora non sono state date”.

“NESSUNO SI PERMETTA DIRE GOVERNO ITALIA XENOFOBO”

“L’Italia è il paese che ha salvato il maggior numero di vite. Nessuno si deve permettere di abbinare la parola xenofobia all’Italia e a questo governo. Il torto sta nelle case degli altri, negli altri paesi. L’Italia è stata lasciata sola”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»