Aquarius, navi italiane porteranno parte dei migranti a Valencia

La decisione è stata presa dalla sala operativa della guardia costiera di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Parte dei naufraghi a bordo della nave Aquarius verranno trasferiti su navi italiane e portati a Valencia. La decisione, presa dalla sala operativa della guardia costiera di Roma, arriva a seguito alle preoccupazioni espresse ieri dalla ong Sos Mediterranee relative ad un viaggio così lungo che dovranno affrontare i 629 migranti a bordo dell’imbarcazione da oltre 72 ore. Intanto questa mattina sulla nave sono arrivati rifornimenti provenienti dall’Italia. 

#Aquarius riceve rifornimenti di cibo coordinati dalle autorità di soccorso italiane. L’Intenzione di MRCC #Italia è di trasferire alcune persone dalla #Aquarius su navi italiane e dirigersi in #Spagna insieme. Chiediamo agli Stati Europei di dare priorità alla vita delle persone pic.twitter.com/fETSgBUxM4

— MediciSenzaFrontiere (@MSF_ITALIA) 12 giugno 2018

Ieri il premier spagnolo Pedro Sanchez ha aperto i porti all’imbarcazione sbloccando lo stallo generato dal no all’accoglienza di Malta e Italia. “E’ nostro dovere aiutare per evitare una catastrofe umanitaria ed offrire un porto sicuro a queste persone”, ha dichiarato il primo ministro spagnolo. Prima di lui, i sindaci di Barcellona e Valencia avevano comunicato la disponibilità delle rispettive città ad accogliere i migranti sulla nave della ong Sos Mediterranee.

SOS MEDITERRANEE: “OK AD AQUARIUS, PORTO SICURO È VALENCIA”

“Aquarius ha ricevuto conferma: il porto sicuro è Valencia. I rifornimenti sono a bordo”. Cosi’ Sos Mediterranee su twitter. “I team- aggiungono- sono sollevati che si inizi a trovare una soluzione sebbene il risultato sia un prolungamento del tempo in mare non necessario per i naufraghi e una riduzione dei mezzi di soccorso”.

AQUARIUS, MSF: “A BORDO PROSEGUE L’ASSISTENZA MEDICA”

“Medici senza frontiere è impegnata al 100% nel prendersi cura delle 629 persone salvate nel Mediterraneo lo scorso weekend. Questi uomini, donne e bambini, in Libia hanno avuto scarso accesso all’assistenza medica, alcuni non ne hanno avuto affatto”. Così la ong internazionale su Twitter.

UPDATE 2 L’incolumità delle persone a bordo della nave #Aquarius deve restare la priorità.

Le autorità marittime italiane devono trovare velocemente una soluzione per la sicurezza dei 629 naufraghi.

— SOS MEDITERRANEE ITA (@SOSMedItalia) 11 giugno 2018

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»