Gallinella: “Da Anbi lavoro importante sui bacini idraulici, lo Stato deve intervenire”

presidente della commissione Agricoltura alla Camera, Filippo Gallinella Imagoeconomica_1298656 (1)
Il presidente della commissione Agricoltura alla Camera rende il merito all'Associazione per "l'innovazione nell'abbattere i costi di produzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Anbi gestisce importanti bacini idraulici, bisogna dargli merito dell’innovazione per abbattere i costi di produzione, e lo Stato su questo deve intervenire perché l’acqua è una risorsa importante che va mantenuta e gestita. Anbi fa un lavoro importante che va accompagnato e lo stiamo facendo, non come in passato quando si voleva far gestire i Consorzi di bonifica agli enti locali. Il loro è un lavoro prestigioso, basti pensare al delta del Po che si trova sotto al livello del mare. Qualcuno l’acqua da lì la deve tirare fuori e non è un lavoro da fare gratis”. Lo ha detto il presidente della commissione Agricoltura alla Camera, Filippo Gallinella, nel corso dell’iniziativa ‘Anbi incontra’ a cura dell’agenzia Dire.

“L’AGRICOLTURA NON INQUINA, SULLE EMISSIONI C’È UNA NARRAZIONE SBAGLIATA”

L’agricoltura che inquina non è quella di oggi ma era quella di mio nonno. L’agricoltura in Europa è responsabile del 10% delle emissioni, in Italia al 7%. Su questo quindi c’è una narrazione e un linguaggio sbagliati. Inoltre, il recupero degli scarti per produrre energia chiuderà il cerchio. Oggi dobbiamo premiare chi si comporta bene e così miglioreremo l’agricoltura, dobbiamo fare meglio e possiamo farlo”. Lo ha detto il presidente della commissione Agricoltura alla Camera, Filippo Gallinella, nel corso dell’iniziativa ‘Anbi incontra’ a cura dell’agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»