Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Con ‘Retrovie’ Bologna riscopre i luoghi della resilienza delle donne del ’15-’18

retrovie teatro bologna tita ruggeri
Lo spettacolo di Tita Ruggeri e Loredana D'Emelio diventa un tour che attraverserà la città, con un intervento teatrale in ogni tappa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Si chiama ‘Retrovie‘ ed è lo spettacolo di Tita Ruggeri e Loredana D’Emelio, frutto di un progetto vincitore del ‘Bando per la Memoria del ‘900’ nel 2018. E ora diventa un tour che attraverserà Bologna a ripetizione, da sabato prossimo, 15 maggio, fino a novembre. Lo spettacolo itinerante porterà il pubblico in quei luoghi del capoluogo emiliano in cui le donne di cent’anni fa misero in atto la loro ‘resilienza’, adattandosi a fare “il doppio del lavoro”, come ricorda oggi proprio Tita Ruggeri in una videoconferenza. “Sarà una passeggiata di 3,5 chilometri circa- continua- ovviamente con un piccolo numero di spettatori, massimo 30 persone. E la faremo con qualsiasi condizione meteo, proprio per testimoniare le difficoltà del ’15-’18, quando le donne bolognesi e italiane dovevano adattarsi a ben altro che a un po’ di caldo e a un po’ di pioggia”. Per ogni tappa è previsto un intervento teatrale, in cui le allieve di Tita Ruggeri riporteranno in vita, per gli spettatori, le infermiere, le postine e le addette ai notiziari di guerra, “300 volontarie fondamentali- spiega Ruggeri- che lavoravano giorno e notte rendendo conto dei morti e dei feriti e comunicando instancabilmente con le famiglie dei soldati”.

Ad allietare la passeggiata nella memoria, sarà il repertorio storico del trio ‘Le Triplettes de Belleville’. La partecipazione è completamente gratuita, ed è obbligatoria la prenotazione mail, all’indirizzo [email protected]. “‘Retrovie’ ha mille vite- dice Susanna Zaccaria, assessora alle pari opportunità del Comune di Bologna, durante la conferenza- e in questa nuova veste ha messo su le gambe per camminare da solo e andare in giro per la nostra città. Oggi lo portiamo con orgoglio anche nelle scuole, e in questo momento è ancora più importante. Insegna come resistere e reagire nelle difficoltà“.

LEGGI ANCHE: Bologna, medaglia alla memoria per l’infermiere del Sant’Orsola vittima del Covid

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»