Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Via D’Amelio, Martelli: “Nessuna indagine su mancata protezione a Borsellino, incuria o peggio?”

claudio martelli
Lo ha dichiarato l'ex ministro di Grazia e Giustizia nel corso di una audizione in commissione Antimafia dell'Assemblea regionale siciliana sui depistaggi nella strage del 19 luglio 1992
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Era inammissibile e inaccettabile, prova di colpevole incuria o di qualcosa di peggio, una forma di omertà o di omissione più o meno consapevole, il fatto di non avere provveduto a sorvegliare nemmeno la casa della madre di Borsellino, che dopo la morte di Falcone era il primo obiettivo della mafia”. Così l’ex ministro di Grazia e Giustizia, Claudio Martelli, nel corso di una audizione in commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana.
“Dopo l’attentato di via D’Amelio mi recai a Palermo, riunii i vertici dello Stato in prefettura e credo di avere fatto la più violenta intemerata fatta nel mio ruolo di ministro – ha ricordato Martelli -, affrontando di petto tutti i presenti: vertici di carabinieri, polizia, guardia di finanza, procuratori e uomini dei Servizi”.

La cosa più inquietante – aggiunge Martelli – è che mai nessuna indagine è stata aperta sulla mancata protezione di Paolo Borsellino. Come sorprendersi dei depistaggi se non c’è stata una indagine su questa mancata protezione?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»