La Spezia, cede ponte mobile della darsena Pagliari: nessun ferito

ponte mobile della darsena Pagliari Spezia
La rottura sarebbe stata causata dal cedimento di un pistone. Il viadotto era chiuso al traffico perché in fase di manovra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Il ponte mobile della darsena Pagliari, nel porto della Spezia, si è rotto ed è uscito dalla propria sede, questa mattina, durante una consueta operazione di apertura e chiusura. Non risultano feriti. Al momento della rottura, il viadotto era chiuso al traffico in quanto in fase di manovra. L’infrastruttura era stata inaugurata nel 2010 ed è di competenza dell’Autorità portuale del Mar Ligure Orientale. Il ponte è lungo 21 metri e largo 12, ha due carreggiate e due corsie laterali per pedoni e pista ciclabile. Le ripercussioni sul traffico dovrebbero essere limitate, grazie all’esistenza di una viabilità alternativa.

Secondo quanto riferito dalla Regione Liguria, la rottura sarebbe stata causata dal cedimento di un pistone. Dopo il passaggio di una barca, mentre si stava richiudendo, un ingranaggio del movimento avrebbe ceduto, facendo collassare la struttura. In città anche l’assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria, Giacomo Giampedrone, in contatto fin dalle prime ore della mattina con il sindaco Pierluigi Peracchini.

LEGGI ANCHE: Toti: “Apprendo con orrore che solo il 30% dell’autostrada ligure è stata ispezionata”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»