Israele, scontri tra comunità nella città di Lod: dichiarato lo stato di emergenza

Era dal 1966 che il provvedimento non veniva adottato a seguito di disordini con la comunità araba. Il sindaco: "È scoppiata l'intifada". E Netanyahu manda l'esercito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Uno stato di emergenza è stato imposto nella città di Lod, nel centro geografico di Israele, dopo disordini e proteste che hanno coinvolto la comunità araba locale mentre si intensificava lo scontro militare tra le forze armate di Tel Aviv e quelle palestinesi di Hamas. Secondo fonti rilanciate oggi dal quotidiano Haaretz, le vittime della nuova fiammata del conflitto sono almeno 40. Trentacinque i morti dal lato palestinese, in conseguenza di raid aerei compiuti nella Striscia di Gaza; cinque quelli israeliani, dovuti all’esplosione di razzi lanciati da postazioni di Hamas. A Lod i feriti in scontri e disordini sono stati almeno 12. Il sindaco della città, Taur Revivo, ha descritto la situazione come “una guerra civile“, aggiungendo che “è scoppiata l’intifada” e che “bisogna mandare l’esercito“.

LEGGI ANCHE: Raid di Israele su Gaza City, almeno 20 palestinesi morti

Parla Alaa, volontaria a Gaza: “Niente festa di fine Ramadan, solo paura per le esplosioni”

SINAGOGHE E NEGOZI DATI ALLE FIAMME

A Lod, secondo fonti di stampa concordanti, un uomo di 52 anni e la sua figlia di 16 sono rimasti uccisi a seguito dell’esplosione di un razzo caduto nel cortile di casa. I disordini in città erano iniziati durante il funerale di uomo, arabo, che sarebbe stato ucciso la notte precedente da un assalitore ebreo. Fonti concordanti hanno riferito disinagoghe e negozi dati alle fiamme. Secondo il quotidiano Times of Israel, lo stato di emergenza è stato imposto su ordine del primo ministro Benjamin Netanyahu e rappresenta il primo provvedimento del genere adottato a seguito di disordini che coinvolgono una comunità araba nel Paese dal 1966. Verso Lod starebbero ora convergendo reparti militari già dispiegati in Cisgiordania, nei Territori palestinesi occupati. Nella notte razzi esplosi da Hamas hanno raggiunto anche l’area di Tel Aviv. Un raid israeliano ha colpito e sventrato un palazzo a più piani a Gaza che, secondo fonti militari, sarebbe stato utilizzato come base da dirigenti di Hamas.

LEGGI ANCHE: Medio Oriente, Meir Margalit: “Solita violenza, competizione interna tra destra israeliana”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»