VIDEO | Reggio Calabria, vicesindaco Neri: “Nuova emergenza rifiuti alle porte”

"Con la Fase 2 ci troviamo ad affrontare una nuova emergenza rifiuti, perche' l'unica discarica calabrese, tanto per cambiare, ha deciso di chiudere i cancelli"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
REGGIO CALABRIA – “Abbiamo lavorato intensamente in questi mesi con gli operai di Avr per garantire pulizia e decoro nella citta’ di Reggio Calabria e ora puntualmente, al momento della ripresa nella Fase 2, ci troviamo ad affrontare una nuova emergenza rifiuti. Questo perché l’unica discarica calabrese, tanto per cambiare, ha deciso di chiudere i cancelli”. Così alla Dire il vicesindaco di Reggio Calabria Armando Neri che ha la delega all’Ambiente, in merito alla situazione del conferimento dei rifiuti. “Se continua questo blocco per altre 24 ore – ha aggiunto Neri – non saremo in grado neanche di garantire la raccolta negli ospedali. È vergognoso che questo accada in un momento in cui tutti gli operatori sanitari, cittadini, amministratori, sono impegnati a contrastare l’emergenza del coronavirus. Non é il caso di affrontare una nuova emergenza rifiuti mentre stiamo cercando di tornare, con sforzi incredibili, alla normalità”. “Questa é una competenza della Regione – ha precisato il vicesindaco di Reggio Calabria – che una volta per tutte deve prendere in mano questa situazione e risolvere i problemi della discarica di Crotone, gestita da un privato, Sovreco, e che ci costringe a tenere la spazzatura in mezzo alla strada”. “Abbiamo saputo che per l’ennesima volta si é raggiunto il termine di saturazione dell’area della discarica di Crotone e quindi dovrebbe intervenire un’ordinanza del presidente della Regione che autorizzi nuovi conferimenti. Fino a quando questo non accadrà – ha concluso Neri – saremo costretti, tutti, a conferire molto meno di quello che produciamo come rifiuti”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»