Come prepararsi all’esame di maturità? La risposta nel nuovo programma di Rai Storia

Condotto da Edoardo Camurri, in onda dal 13 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dalle parole simbolo del Novecento alla simulazione di un percorso interdisciplinare fra alcune delle materie oggetto dell’esame di maturita’. Tutto questo nel nuovo programma di Rai Cultura ‘Prova di maturita”, condotto da Edoardo Camurri e in onda da mercoledi’ 13 maggio alle 21.10 su Rai Storia (canale 54). In ogni puntata due importanti intellettuali italiani costruiranno un percorso attorno a parole selezionate e mostreranno allo studente presente in trasmissione, e a quelli a casa, le connessioni, gli intrecci e i collegamenti tra materie diverse. Alcune delle parole saranno: Famiglia, Totalitarismo, Inconscio, Globalizzazione, Maschera, Intelligenza artificiale, Cibo. Per la prima puntata e’ stata scelta la parola ‘Famiglia’. A simulare l’esame di maturita’ saranno la scrittrice Melania Mazzucco (Premio Strega 2003) e l’antropologo Marino Niola. Il primo degli studenti sara’ Raffaele Cagnazzo del Liceo Classico Tito Livio di Martina Franca. Le materie oggetto dell’esame saranno Storia, Letteratura italiana e Scienze, e le due lezioni analizzeranno le tipologie della famiglia italiana nel Novecento e i romanzi a tema famigliare della nostra letteratura. ‘Prova di Maturita” e’ un programma realizzato nell’ambito dell’accordo Rai – ministero del’Istruzione per #lascuolanonsiferma. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»