Coldiretti rilancia le fattorie didattiche in Basilicata

"Ideali per fare educazione ambientale attraverso la conoscenza della campagna con i suoi ritmi, l'alternanza delle stagioni e la possibilità di produrre in modo sostenibile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Le fattorie didattiche di Coldiretti nelle campagne della Basilicata possono accogliere i bambini in sicurezza con attività educative a contatto con la natura nei grandi spazi all’aria aperta. Lo annuncia Raffaella Irenze, responsabile di Donne Impresa Basilicata che ha rilanciato la proposta nel corso di un coordinamento con la responsabile nazionale Floriana Fanizza, la coordinatrice nazionale Silvia Bosco, il presidente regionale di Coldiretti Basilicata, Antonio Pessolani, e il direttore regionale Aldo Mattia. Le fattorie didattiche per Irenze sono l’ideale in quanto sono aziende agricole autorizzate a fare formazione sul campo puntando sull’educazione ambientale attraverso la conoscenza della campagna con i suoi ritmi, l’alternanza delle stagioni e la possibilità di produrre in modo sostenibile. Da Donne Impresa anche proposte concrete che permettano di risollevare l’agricoltura femminile: “In Basilicata – afferma Irenze – la maggior parte delle aziende iscritte all’albo regionale delle fattorie didattiche sono in rosa e stiamo attuando delle iniziative per permettere alle nostre imprenditrici di continuare a mantenere saldi i rapporti con i bambini e le famiglie che frequentano abitualmente le nostre realtà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»