Il grazie di TikTok agli infermieri, tra video e donazioni

Il ringraziamento della community, unanime e immediato, e’ stato raccontato con l’hashtag #grazieavoi e i video raccolti contano oltre 32M di visualizzazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si chiamava Florence Nightingale, era inglese ma nacque a Firenze il 12 maggio 1820 e divenne la pioniera dell’infermieristica moderna. Oggi questa data viene celebrata ogni anno in occasione della giornata mondiale dell’infermiere, professione che negli ultimi mesi e’ stata riscoperta, amata, ringraziata e diventata ancor piu’ vitale ed essenziale per la societa’. La collettiva ondata di positivita’ e supporto ha coinvolto tutti, e, nel periodo di lockdown e distanziamento, sono stati i social i principali vettori del messaggio. Una voce unanime che ha coinvolto soprattutto TikTok: la piattaforma e’ stata, infatti, il luogo d’elezione per condividere emozionanti video da e per gli infermieri. Il ringraziamento della community, unanime e immediato, e’ stato raccontato con l’hashtag #grazieavoi e i video raccolti contano oltre 32M di visualizzazioni. 

I personali “grazie” sono stati trainati dal significativo messaggio di @fedeasso, indirizzato ai genitori medici e a tutti gli operatori sanitari in prima linea. Deborah Pescara @deborahpescara, invece, ha condiviso l’affetto e l’orgoglio per il padre infermiere da oltre 30 anni colto sul momento di uscire di casa per recarsi in ospedale. Sirene si’, ma questa volta usate come sottofondo di un applauso generale nel video di Stefania Guarnera @stefania_guarnera. 

Gli infermieri, condividendo su TikTok un vivido racconto – settimana dopo settimana – dall’inedita prospettiva dei reparti, hanno svolto la piu’ efficace delle sensibilizzazioni verso l’importanza di seguire scrupolosamente le norme di prevenzione: restare a casa, lavarsi accuratamente le mani piu’ volte al giorno, utilizzare guanti e mascherina. I loro video hanno inoltre dato risalto all’importanza del lavoro svolto e dei meticolosi dettagli, alla forza paragonabile a quella di un eroe.

A raccogliere i momenti di vita negli ospedali, sono stati proprio gli hashtag #eroiincorsia e #iorestoincorsia. A colpire maggiormente, la minuziosa e dettagliata vestizione a inizio turno condivisa da Elisabetta Farfalla @elisabettafarfalla3, o raccontata sulle note della colonna sonora di Sailor Moon da Alice @alicekimerarognon o de The Avengers da Zini @zinithevoice.

Nelle corsie degli ospedali non sono mancati momenti di reciproco supporto e resilienza, condivisi su TikTok per lasciar trapelare accanto alle difficolta’ un forte messaggio di speranza e unione, immortalato attraverso alcuni dei trend maggiormente in voga della piattaforma. 

– La Dirty Dancing di @promatteo: #insiemecelafaremo, perche’ il lavoro di squadra moltiplica il successo; 

– “I Used To Be So Beautiful”, anche con la tuta protettiva come mostra @sissi_ly; 

– Una settimana in un reparto Covid-19 raccontata da @anchyna14. Sebbene non avvezza a queste tecnologie, un bicentenario cosi’ social e cosi’ sentito sarebbe stato particolarmente apprezzato anche da Florence Nightingale.

L’IMPEGNO DI TikTok – La piattaforma ha messo a disposizione della community un’apposita sezione sul sito in merito all’emergenza Coronavirus. Inoltre, l’impegno di TikTok in Italia per affrontare l’emergenza Coronavirus, si e’ concretizzato anche con una importante donazione: 2,5 milioni di euro per la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI) con l’obiettivo di supportare, sia nella fase della malattia che del recupero, fisico e psicologico, in particolar modo tutti gli infermieri che per primi hanno aiutato le persone colpite dal virus e ora sono bisognosi anch’essi di cure mediche o della terapia intensiva.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»