Per la Giornata internazionale degli infermieri, ecco la t-shirt celebrativa dei detenuti

Il profilo dell'infermiera Florence Nightingale sulle magliette 'Made in Jail': il 50% del ricavato andrà al fondo istituito da FNOPI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A partire da oggi, Giornata Internazionale dell’Infermiere, per tutto l’anno in corso la FNOPI e l’Associazione Made in Jail si uniscono, con la collaborazione e il patrocinio di Aniarti, per celebrare i 200 anni dalla nascita di Florence Nightingale (1820-1910, è conosciuta come la fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna, ndr ) con un’iniziativa di solidarietà: una raccolta fondi tramite la vendita di una t-shirt celebrativa.

UNA T-SHIRT PER MOLTI CONTRIBUTI 

L’illustrazione della t-shirt è stata realizzata gratuitamente dal disegnatore Francesco Marasco e proposta dal gruppo di creativi Numidio che hanno offerto gratuitamente le loro competenze per la realizzazione del progetto.

L’Associazione ‘Made in Jail’ da oltre 30 anni si occupa di offrire ai detenuti ed ex detenuti un’opportunità di formazione al lavoro e di riscatto socio-culturale tramite corsi di serigrafia nei principali istituti penitenziari d’Italia.

Sia gli infermieri che la popolazione carceraria sono state colpite in modo particolare dall’emergenza Covid-19. La t-shirt realizzata da ‘Made in Jail’ servirà per finanziare al 50% il fondo di solidarietà ‘Noi Con Gli Infermieri’ istituito dalla FNOPI per gli infermieri colpiti dal Coronavirus e l’altro 50% sarà destinato alle attività di formazione dell’Associazione ‘Made in Jail’.

Sempre da oggi, è possibile prenotare ed acquistare la propria t-shirt celebrativa dal sito web madeinjail.com o passando dal portale noicongliinfermieri.org.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»