Legge elettorale, per il proporzionale sarà battaglia all’ultimo voto

Va considerato il potere di attrazione che una legge proporzionale, con lo sbarramento al 3 per cento, puo' esercitare su deputati della galassia di centro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Battaglia all’ultimo voto sul ritorno del proporzionale. A Montecitorio l’italicum bis gode di una larga fetta di sostenitori. Alcuni dichiarati, altri sotto mentite spoglie.

Ma il Pd puo’ contare sulla consistenza numerica del suo gruppo: 282 deputati. Se la Lega fara’ asse nella difesa del maggioritario, aggiungendo i suoi 19 voti, il fronte contrario all’italicum bis sale a quota 301. Solo 14 voti sotto la soglia numerica dei 315 voti che rappresentano la meta’ dell’emiciclo. Altri voti potrebbero arrivare da Sc-Ala (16 deputati) e dalle componenti del gruppo misto (che alla Camera conta 51 deputati). Ma va considerato il potere di attrazione che una legge proporzionale, con lo sbarramento al 3 per cento, puo’ esercitare su deputati della galassia di centro. Simile la situazione in commissione affari costituzionali.

Su 48 componenti della commissione affari costituzionali, infatti, i deputati del Pd sono 21, 2 quelli della Lega Nord e 1 di Ala. In totale 24 membri, la meta’ esatta della Commissione. Tra i voti in bilico diventa decisivo quello del deputato di Democrazia Solidale-Centro Democratico Gian Luigi Gigli, unico membro del suo gruppo.

Subito dopo il deposito del testo base da parte del presidente della commissione Andrea Mazziotti, il parlamentare di Des-Cd si e’ espresso a favore della proposta che prevede l’estensione dell’italicum bis anche al Senato. Queste le sue parole: “E’ una buona base di partenza e diamo atto all’onorevole Mazziotti di aver effettivamente tenuto conto delle valutazioni espresse dalla maggior parte delle forze, presentando realisticamente una sorta di minimo comune denominatore. Consideriamo invece inaccettabile la proposta PD di un modello tedesco ‘de noantri’, perche’ l’elevata soglia di sbarramento non puo’ coesistere con l’impianto maggioritario di meta’ dei collegi senza provocare una forte distorsione della rappresentativita’”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»