Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Morassut: “Rivalutare il debito, ma verso il basso” VIDEO

"Sulla questione del debito- spiega il deputato Pd- e' stata fatta una grande mistificazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Roma e’ una citta’ supertassata, per onorare il debito c’e’ una rata annuale di 500 milioni, di cui 300 provenienti dalle tasse degli italiani e 200 da una soprattassa Irpef, che pesa su famiglie e imprese in cambio di servizi molto piu’ che scadenti. Questa situazione dovrebbe continuare fino al 2048? Roma puo’ riprendersi in questa situazione? Non e’ una domanda retorica”. Così il deputato del Pd ed ex assessore capitolino all’Urbanistica, Roberto Morassut, intervistato dall’agenzia Dire.


“Sulla questione del debito- aggiunge Morassut- e’ stata fatta una grande mistificazione. Silvia Scozzese, commissario straordinario per il debito storico del Campidoglio, ci ha detto che si possono rivedere tante cose, che la quantita’ puo’ essere rivalutata secondo una scala piu’ bassa e si puo’ intervenire sulle forme di prelievo fiscale sulle famiglie per spostare risorse dalla spesa corrente per il pagamento dei debiti, i cui creditori sono tutti da valutare, e tornare ad investire su strade, servizi e manutenzione urbana. Altrimenti il degrado civile puo’ produrre una grande conflittualita’”.

LEGGI ANCHE Rifiuti, Morassut a Di Maio: “Roma verso il precipizio” VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»