Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mediterraneo, Gentiloni: “C’è stato strabismo, serve nuovo ordine per regione più prospera”

ROMA - "Dobbiamo assumerci l'impegno di cercare di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Dobbiamo assumerci l’impegno di cercare di cominciare a tessere la tela di un possibile nuovo ordine del Mediterraneo“. Così il premier Paolo Gentiloni intervenendo alla Riunione dei Presidenti dell’Assemblea parlamentare Unione per il Mediterraneo ora in corso a Palazzo Madama.

“Quando si guarda a conflitti, differenze e contrapposizioni- osserva il premier- parlare di ‘tessere una tela di un nuovo ordine’ può apparire un’utopia, tuttavia è proprio questo il lavoro che ora dobbiamo fare tutti insieme“.

Per Gentiloni “è evidente che l’ordine ereditato oltre 100 anni fa dalla vicenda coloniale non regge più. I processi di modernizzazione e l’emergere di nuove domande sociali richiedono una regione più stabile e propsera, capace di approfittare della propria realtà geografica, al centro tra Asia, Europa e Africa”, aggiunge il premier.

“Abbiamo lavorato in questi anni- conclude Gentiloni- per mettere la questione mediterranea al centro dell’agenda politica internazionale. C’è stato un po’ di strabismo, sia nostro che dell’UE e di altri organismi a non vedere con sufficiente tempestività la centralità che l’Europa doveva avere nel suo sguardo verso sud, oltre che verso nord ed est. E’ uno sguardo fondamentele per gli  interessi economici, politici e di sicurezza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»