Marco Vincenzi è il nuovo presidente del Consiglio regionale del Lazio

marco vincenzi_imagoeconomica
Il capogruppo del Pd eletto con 34 voti alla seconda chiamata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Marco Vincenzi è stato eletto nuovo presidente del Consiglio del Lazio dall’Assemblea regionale. L’attuale capogruppo del Pd, che dopodomani compirà 63 anni e che diventa così il 18esimo presidente della Pisana dopo le dimissioni di Mauro Buschini, ha ottenuto 34 voti alla seconda chiamata, quando erano presenti 44 consiglieri su 51. Sei voti sono andati al capogruppo della Lega, Angelo Tripodi, due le schede bianche e due le nulle. Il quorum previsto era di 31 preferenze. Non hanno partecipato alla votazione i 6 consiglieri di Fratelli d’Italia e l’esponente del M5S, Gaia Pernarella, assente per motivi personali.

Marco Vincenzi è il terzo presidente del Consiglio regionale del Lazio della legislatura iniziata nell’aprile del 2018. Il primo a sedere sullo scranno più alto della Pisana è stato Daniele Leodori, che si è dimesso un anno dopo per diventare vicepresidente del Lazio. Al suo posto è succeduto Mauro Buschini, che si è dimesso la scorsa settimana in seguito alla discussa vicenda delle 24 assunzioni da parte del Consiglio regionale, “pescando” dalle graduatorie di un concorso effettuato dal Comune di Allumiere.

CASO ASSUNZIONI, VINCENZI: “CONVINTO CHE TUTTO SARÀ CHIARITO

“Sono convinto che tutto verrà chiarito in modo definitivo. Nel frattempo è giusto che la commissione (Trasparenza, ndr) svolga la sua attivita in autonomia e trasparenza, con rigore e correttezza nell’interesse dell’istituzione che rappresentiamo”, ha commentato Vincenzi. “Auspico che durante il percorso per giungere al completo e giusto chiarimento definitivo, ci sia da parte di tutti il rispetto delle regole democratiche non viziate da pregiudizi precostituiti. In attesa che si faccia chiarezza è importante evitare processi sommari e sentenze avventate. Sono fiducioso che questo non avverrà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»