Fedriga: “Come Regioni proporremo al Governo di riaprire alcune attività”

massimiliano fedriga
Il presidente del Friuli Venezia Giulia e della conferenza delle Regioni punta sulla ripresa delle attività economiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Le riaperture? “Spero già giovedì di portare le prime proposte al governo in tal senso, in un’ottica costruttiva e collaborativa, trovando soluzioni per avere la massima sicurezza possibile garantendo la ripresa dell’attività economica”. Lo dice a Rai Radio1, ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, il governatore del Friuli Venezia Giulia e presidente della conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga.

“Come regioni presenteremo una proposta di linee guida per le riaperture, senza voler dare una data precisa. Penso però che ci siano alcune attività che possono esser fatte in sicurezza: ad esempio quelle che si possono svolgere all’aperto e in sicurezza, come mangiare stando seduti”. “Mi sembra di capire che il governo dovrebbe avere una cabina di regia questa settimana per ipotizzare le prime aperture, anticipando maggio. Su questo noi siamo disponibili a dare la nostra completa collaborazione. Cerchiamo di dare il più possibile un messaggio univoco, è sbagliato dividere il Paese tra chi vuole aprire tutto e chi vuole chiudere tutto”.

Secondo lei bisognerebbe reintrodurre le zone gialle entro fine mese? “Tenendo conto dell’evoluzione della situazione pandemica, se i numeri lo permettono e gli ospedali iniziano a diminuire la loro pressione penso che ci dovremo far guidare da questo punto di vista, oggettivo e scientifico, per capire se si potrà andare verso un allentamento. Il problema – ha concluso a Rai Radio1 Fedriga – non è quando riapri ma come riapri”.

LEGGI ANCHE: A Trieste il lockdown mette paura per il futuro: concepimenti diminuiti del 20%

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»